Taggia, successo per la prima cena “Una sera a Villa Curlo”

Un successo fragoroso per publico e risultati ieri sera per la prima delle due cene a tema intitolate “Una sera a Villa Curlo” firmate Centro Culturale tabiese.

Cento persone circa si sono riunite ieri per questo debutto di CULTURA IN CUCINA perché le cene previste dall’associazione prevedono come filo conduttore il patriota Giovanni Ruffini raccontato attraverso i suoi personaggi attraverso i sapori della sua storia personale.

Il tutto è stato reso possibile grazie agli chef che collaborano con la società di catering Prime Quality, che allestirà e gestirà la parte gastronomica della serata. Tra cui il bravissimo chef Davide Bisato che insieme al presidente del Centro Culturale Tabiese Giorgio Revelli, ideatore delle ricette, ha reso possibile un tuffo “nella gastronomia letteraria”.

Si attende ora la cena del 7 Agosto sempre con ricette dedicate ed ispirate ai personaggi dei romanzi ruffiniani. L’associazione informa che le iscrizioni sono già aperte e prevedono ingresso, aperitivo menù con antipasto, primo, secondo, dolce e bevande oltre al concerto assicurato dal trio formato da

mandolino: Sabine SPATH, cello: Vincenzo MALACARNE, cembalo: Patrizia MAGLIOCCHETTI

ISCRIZIONI ENTRO IL 3 Agosto 2018

PER INFO ED ISCRIZIONI: 3318834666 (segreteria CCT)

Un evento nell’evento che prevede l’apertura al pubblico di uno dei luoghi simbolo della cittĂ  di Taggia   e soprattutto del suo giardino che ha finalmente acquisito grande valore grazie all’ultimo intervento ancora in corso con la messa a dimora di piante preziose che arricchiscono il parco coerentemente con il suo stile mediterraneo. Importantissimo in tal senso il lavoro e l’impegno di Laura Cane, Presidente del Consiglio Comunale di Taggia con delega alla Cultura .

Articolo precedenteImperia, presentazione ufficiale della Giunta Scajola: “Col cittadino cerchiamo di far accordi e non litigi”
Articolo successivoBordighera, Lorenzi: “La piazza della stazione andava pedonalizzata. Assurdo buttare un progetto che poteva cambiare la cittĂ ”