Questa mattina in comune a Taggia, l’assessore regionale all’Urbanistica, Marco Scajola, e i dirigenti regionali, hanno incontrato l’amministrazione e i tecnici del Comune. Al centro dell’incontro importanti questioni come l’edilizia scolastica, ma soprattutto il PUC sul quale l’amministrazione Conio sta lavorando.

“Devo ringraziare per l’attenzione e la considero un’iniziativa rivoluzionaria: un vero e proprio cambio di mentalità. Spesso la difficoltà di confronto e di contatto rischiano di complicare le già difficili questioni burocratiche andando a rallentare i progetti e le pratiche. Vedere come la Regione si presta ad aiutare le amministrazioni non può che farmi un grande piacere,” commenta il sindaco Mario Conio.

“Dal 2015 abbiamo preso la giusta e sana abitudine di andare noi nei Comuni per confrontarci sulle problematiche, in questo caso urbanistiche, del territorio,” aggiunge Marco Scajola.

In questi mesi la Giunta e gli uffici stanno lavorando sulla definizione del PUC. “Abbiamo deciso di mantenere il PUC presentato e adottato dalla precedente amministrazione, ma sarà un ‘PUC 2.0 – Versione Conio’. Stiamo valutando alcune modifiche sostanziali secondo noi più idonee per il futuro e l’interesse della comunità,” spiega Conio.

Tra queste modifiche lo spostamento del futuro ospedale unico provinciale a nord della stazione ferroviaria, diversamente dalla progettualità precedente.

“Una scelta condivisa anche dall’Asl 1 Imperiese e che permetterà uno sviluppo importante rendendo il comune di Taggia centrale sotto il punto di vista sanitario,” spiega Scajola.

Tra le aree importantissime su cui la Giunta deve riflettere attentamente, per dare un indirizzo all’interno del PUC, c’è sicuramente l’ampia zona delle ex Caserme Revelli.

“È ancora presto per sbilanciarci svelando le nostre idee sull’area. Parliamo però di una grande opportunità. Questa vasta e centrale area è finalmente in disponibilità del patrimonio comunale. Con il giusto indirizzo porterà beneficio sociale ed economico a tutto il territorio,” conferma Conio.

L’obiettivo della Giunta è quello di arrivare ad una definizione del PUC nel più breve tempo possibile.

“Nei prossimi sei mesi abbiamo intenzione di terminare le modiche al piano,” conclude il primo cittadino.