madonna del canneto taggia

Giovedì 16 febbraio, alle ore 17.00, si svolgerà la presentazione del libro “I Benedettini e la Madonna di Canneto”.

Relatore dell’incontro sarà il dott. Anselmo Avena. L’evento è stato realizzato in collaborazione con il Centro Culturale Tabiese e la Comunità di Villaregia. La presentazione si terrà presso la libreria Antea Edizioni in via Soleri 5B, già Pantan.

Libro

Lo storico Domenico Fornara si è sempre chiesto da dove derivasse il titolo di “Canneto” dato alla Madonna del sobborgo “Colletto” a Taggia. Poiché la località non è adatta per ospitare, sia in passato che oggi, le canne, pensava che probabilmente il nome fosse di importazione. Dopo diverse ricerche e viaggi in Italia e contatti con i Parroci della zona interessata, la sua curiosità e sete di sapere venne premiata.

Anselmo Avena

Dottore, presidente della Comunità di Villaregia. L’associazione prende il nome dagli sviluppi storici coincidenti con la comparsa sulla scena del monastero benedettino di Santo Stefano di Genova, che, nella seconda metà dell’anno mille, amplia i suoi diritti spirituali e materiali su di un vasto territorio che va dalla zona dell’attuale Santo Stefano al Mare fino al fossato dei Casai, per poco ancora entro l’attuale Comune di Riva Ligure.

Centro Culturale Tabiese

Nato dallo spirito di iniziativa di alcuni giovani studenti di Taggia, il Centro Culturale Tabiese compirĂ  nel 2017 i suoi primi 45 anni di attivitĂ . Lo studio per la valorizzazione, la tutela e la promozione del territorio della stessa Taggia e del territorio limitrofo è sempre stato il punto focale dell’attivitĂ  associativa. Oggi, oltre a rispettare e tutelare l’operato dei nostri predecessori, noi tutti sentiamo altrettanto forti alcune esigenze del nostro presente. Alcuni punti essenziali: sostenere una maggiore ed obiettiva coesione con le altre associazioni del territorio, culturali e non rafforzare la qualitĂ  di ogni proposta, elemento ormai sempre piĂą raro perchĂ© poco considerato; intensificazione della collaborazione con gli enti scolastici di ogni grado e formazione; sostegno dell’identitĂ  di gruppo al fine di rendere fattiva la partecipazione dei nostri soci in seno all’associazione stessa.