Il Sindaco di Bordighera, Giacomo Pallanca, ci accompagna a visitare alcuni dei luoghi che sono stati fonte di ispirazione per Claude Monet.

Il pittore rimase a Bordighera 69 giorni esattamente sino al 3 aprile 1884 e durante tutto il periodo dipinse 40 tele.

La prima nostra tappa è presso i “Giardini Monet”, all’epoca “Giardini Moreno”, i quali erano molto vasti e ricchi di numerose varietà botaniche, infatti da questo luogo dipinse alcuni scorci di Bordighera.

La caratteristica importante è proprio quella che il paesaggio a Bordighera è rimasto invariato preservando le bellezze della città.

Il secondo luogo è sulla Via Romana, “il Belvedere” chiamato dai bordigotti “Carillon”, posto unico dal quale è possibile ammirare Bordighera da levante a ponente con uno scorcio unico sulla costa francese.

L’ultimo luogo visitato, e sicuramente uno dei più suggestivi, è Via del Beodo, chiamata così per la presenza di un vecchio canale che portava l’acqua a tutta Bordighera. In questo percorso Claude Monet ha dipinto alcuni tra i suoi quadri più famosi e la caratteristica fondamentale di questo luogo è proprio che è rimasto inalterato da più di 130 anni.

All’interno del Beodo, Monet, ha dipinto ben tre delle sue tele.

I quadri di Monet raffiguranti Bordighera sono esposti presso il Museo Marmottan di Parigi, altri negli Stati Uniti, Los Angeles, Chicago.