Bella riuscita per la passeggiata di mercoledì scorso 8 settembre tra gli ulivi e i boschi della Valle Impero e della Valle Prino organizzata dall’associazione Madonne della Neve. I pellegrini hanno apprezzato il percorso ad anello in partenza dal borgo di Villa Guardia per raggiungere il Santuario di Montegrazie per la festa della NativitĂ  come da otto anni oramai. Bellissima giornata trascorsa all’insegna della serenitĂ  e della simpatia, panoramiche stupende. Per il secondo anno l’Associazione si è iscritta al progetto del “Tempo del Creato” con l’evento : “Custodia degli antichi sentieri di collegamento tra i santuari”.

I percorsi della passeggiata sono stati riaperti con la tenacia dei volontari dell’Associazione Madonna della Neve per il Cenacolo di Villa Guardia. Dopo la messa solenne nel Santuario i pellegrini si sono ristorati sul piazzale davanti alla catena dei monti delle valli Impero, Prino, Arroscia e Argentina godendo dello stupendo panorama. Il nuovo percorso ad anello inaugurato nel 2019 ha permesso ai pellegrini di visitare l’antica Chiesetta di Sant’Anna con la sua storia misteriosa, da lì una bellissima panoramica sul mare. Durante la passeggiata si è fatta la raccolta dei rifiuti lasciati nel bosco, negli ulivi, nel sentiero e nelle mulattiere, questa iniziativa è stata promossa dall’evento che ha aderito al Tempo del Creato 2021.La passeggiata si è conclusa a Villa Guardia con la visita del Santuario Madonna della Neve e il suo Cenacolo e dell’Oratorio San Carlo.

Doverosi i ringraziamenti a chi ha reso possibile e piacevole il progetto : Don Matteo Boschetti, Parroco della Parrocchia San Matteo di Villa Guardia. Per la pulizia dei sentieri, Annarella, Patricia dell’Associazione Madonna della Neve per il Cenacolo di Villa Guardia, per le foto Attilio il Dott. Giovanni Vassallo per l’accoglienza a Montegrazie.

Articolo precedenteTappa a Dolceacqua per il ‘Riviera Electric Challenge’: al via domani l’evento transfrontaliero per sensibilizzare sull’utilizzo dell’auto elettrica
Articolo successivoOspedaletti: pronta la realizzazione di una pensilina fotovoltaica grazie ai ‘Pignurin’