[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/232338150″]Quest’anno l’estate è stata caratterizzata dal caldo e dalla siccità.

Il Ponente ligure ha dovuto fare i conti l’emergenza siccità; tra i più colpiti dalla mancanza di acqua ci sono i coltivatori di ulivi e i produttori di vino. Abbiamo intervistato Giacomo Ferrari, dell’Associazione Produttori Moscatello di Taggia, per capire come la produzione di vino abbia risentito della siccità e dell’ondata di caldo intenso che ha caratterizzato tutta la stagione estiva.

In quattro anni, spiega Ferrari, la vendemmia si è spostata dalla fine di agosto all’inizio dello stesso mese; la produzione è calata ma la qualità del vino è rimasta alta.

Articolo precedenteTariffa rifiuti, Natta avvisa la Idroedil: “La Provincia non fa sconti a nessuno”
Articolo successivoAutunno alle porte, Taggia si prepara alla pioggia