video

Approda questa sera in Consiglio Comunale a Sanremo la pratica relativa al Bilancio di previsione, una delle più importanti e vitali di un Comune. Tutte le pubbliche amministrazioni si sono organizzate con grosse difficoltà per portare entro il termine fissato a fine aprile l’approvazione del documento, per poi venire a sapere nelle ultime ore che il Governo ha deciso di concedere una proroga di un mese facendo slittare la scadenza al 31 maggio, accogliendo le richieste dell’Anci anche se con colpevole ritardo.

“È stato un percorso lungo mesi durante i quali abbiamo perfezionato la stesura definitiva del bilancio di previsione del comune di Sanremo”, dice l’assessore competente Massimo Rossano poche ore prima della seduta consigliare.

“Settimana dopo settimana siamo riusciti ad annullare quel gap che preoccupava e che incombeva sulle casse comunali. Il documento risulta ricco di variazioni e a fine giugno ci rivedremo per apportare eventuali assestamenti dato che stiamo aspettando risposte proprio dal Governo che solo ieri ha comunicato di aver differito la scadenza dell’approvazione del documento a fine maggio, cioè quello che noi chiedevamo il 25 marzo scorso. Comunque, noi siamo pronti per approvare il bilancio di previsione 2021”.

“La prima variabile cui abbiamo dovuto far fronte – spiega – è stata quella relativa al Casinò che anche in pandemia ha mantenuto gli impegni nei confronti del Comune ma che non può decidere della sua sorte, legata ai Dpcm. La riapertura della casa gioco per noi è fondamentale ma dovremmo avere delle certezze che tutti gli enti a tutti i livelli cui abbiamo chiesto indicazioni non hanno saputo darci ufficialmente anche se sembra che si vada verso la data del 2 giugno”.

“Altri due punti molto importanti per il nostro bilancio di previsione sono collegati ad Amaie Energia dalla quale si spera in un aiuto alle casse comunali attraverso il proprio dividendo, e a Casa Serena che stiamo cercando di vendere, sia l’immobile che l’azienda”.

“C’è anche la promessa del nostro Sindaco di fornire ristori per 300mila euro al tessuto commerciale cittadino penalizzato da chiusure improvvise in concomitanza con grossi eventi. È una cifra importante che riusciamo a mettere sul tavolo per lenire le ferite economiche e anche sociali subite dai nostri commercianti. Questi soldi saranno disponibili all’indomani dell’approvazione, sappiamo che non c’è tempo da perdere ma intanto abbiamo coinvolto i rappresentanti delle associazioni di categoria affinché siano loro a stabilire le modalità di distribuzione, e quando ci verranno comunicate noi inizieremo ad elargire seguendo le indicazioni forniteci”.

“Volevo chiudere con una sottolineatura – dice l’assessore Massimo Rossano – questa amministrazione ha voluto mantenere inalterata la pressione fiscale ed è stato sempre un punto imprescindibile nel lungo percorso che ci ha portato oggi all’approvazione di questo documento. Nessun aumento di nessuna tassa o imposta, e mantenimento inalterato di tutti i servizi fondamentali, come ha sempre voluto il sindaco Biancheri”.

Articolo precedenteDodicenne disabile picchiata e bullizzata, l’analisi della psicologa sanremese Laura Arpenti
Articolo successivoVini Dop e Igp, il vicepresidente regionale Piana: “La nascita del consorzio di tutela per la Liguria dimostra la dinamicità dei produttori e valorizza il territorio”