[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/224756342″]Dopo vent’anni gli agenti di Polizia della Squadra Mobile di Imperia mettono fine alla lunga serie di truffe degli estintori.

È stato, infatti, arrestato Claudio Conti, 69 anni, inventore di questa truffa che ha colpito attività commerciali in tutta italia.

Dopo una vita di onesto lavoro per un’azienda di revisione degli estintori, Conti, aiutato dall’esperienza acquisita nel settore, ha deciso di intraprendere la strada dell’illegalità.

Sempre lo stesso il modus operandi. Dopo aver individuato una zona d’Italia da colpire, si informava sulle ditte che usualmente svolgono il servizio sul territorio. Si presentava, quindi, nelle attività e dopo una finta manutenzione si faceva pagare 80 euro rilasciando anche fattura.

Oltre 100 le denunce, ma fino ad ora non era mai stato colto in fragrante. Conte era arrivato ad Imperia con la moglie e la figlia. Avendo dato subito nell’occhio gli agenti di Polizia hanno incominciato ad investigare tenendolo sotto controllo.

È stato durante un pedinamento nel savonese che la Squadra Mobile ha potuto far scattare le manette dopo aver assistito all’ennesima truffa.

Il Dirigente della Squadra Mobile, Giuseppe Lodeserto, spiega a Riviera Time tutti i dettagli.

Articolo precedenteNon solo turisti affezionati: inizio d’estate intenso ad Arma
Articolo successivoImperia, violenta aggressione per una questione d’onore. Giovane arrestato per tentato omicidio