Sanremo, Sindoni su estate e Milano-Sanremo

Con l’assessore Alessandro Sindoni, vice-sindaco di Sanremo con delega al Turismo, abbiamo fatto il punto sull’estate 2020 quando sta per arrivare l’ultimo weekend di luglio.

“Siamo contenti di come sta andando – dice – nonostante l’anomalia del periodo e la completa differenza rispetto a quanto avevamo progettato prima della pandemia. Avremmo voluto un totale coinvolgimento in città, un po’ come era accaduto durante il Festival e ovviamente non abbiamo potuto farlo. Ma avere due location come quelle di Villa Ormond e di Villa Nobel è stata una felice opportunità che abbiamo colto al volo”.

“Gli spettacoli che si sono svolti li – conferma – sono andati molto bene, è sempre stato raggiunto il numero massimo consentito di presenti, il sito di prenotazione funziona senza intoppi, nessun problema particolare ci è stato sinora segnalato”.

Tra meno di tre settimane si svolgerà la Milano – Sanremo uno degli appuntamenti più importanti per la città.

“La data non l’abbiamo scelta noi – chiarisce Sindoni – ma ci è stata imposta dall’UCI l’organismo mondiale del ciclismo professionistico mentre noi avremmo preferito in autunno per evitare problemi di viabilità e parcheggi. Questa data dell’8 agosto ci impone delle scelte che per forza di cose scontenteranno una parte dei cittadini”.

“All’inizio di questa settimana si è svolta una riunione a Palazzo Bellevue tra gli assessori competenti, l’Ufficio Viabilità e i rappresentanti degli ambulanti che non vorrebbero rinunciare ad un sabato di inizio agosto ma l’unica area disponibile per il parcheggio in centro a Sanremo è quella sul Lungomare Calvino che in occasione della ‘Classicissima’ si riempie di mezzi di servizio e dei truck dei vari team internazionali che gareggiano”.

“Tenere in piedi il mercato del sabato mattina anche se l’arrivo è previsto nel pomeriggio inoltrato sarebbe un disastro per tutta la città. Per fortuna mi hanno riferito che la riunione è stata propositiva e si va verso una soluzione che possa andare bene per tutti. Lo spostamento di un giorno, dal sabato alla domenica, del mercato, magari per tutto il giorno? E’ una delle possibili soluzioni anche se non è l’unica”.