Il presidente provinciale della Confcommercio di Imperia Enrico Lupi e il presidente dell’Ascom di Ventimiglia Dario Trucchi hanno incontrato il questore Pietro Milone e il dirigente del Commissariato di Polizia della città di confine Saverio Aricò. Al centro dell’incontro, chiesto da Confcommercio, la questione relativa alla sicurezza di Ventimiglia, anche alla luce della presenza di migranti.

Spiega il presidente provinciale Enrico Lupi: “Abbiamo illustrato al questore e al dirigente del Commissariato come da parte dei nostri associati vi sia una percezione di insicurezza, legata alla presenza di migranti sul territorio e non solo”.

Sottolinea il presidente dell’Ascom ventimigliese Dario Trucchi: “Il questore, che in precedenza aveva anche fatto una visita a Ventimiglia, per verificare di persona la situazione, ci ha mostrato i dati in suo possesso, che evidenziano un calo della presenza di migranti nella nostra città. In ogni caso, questore e dirigente del Commissariato, hanno dato la massima disponibilità ad ascoltare le esigenze dei commercianti ed hanno garantito che non verrà abbassata la guardia sul fronte della sicurezza, garantendo una costante vigilanza del territorio”.

Conclude Enrico Lupi: “Ho proposto al questore di tenere un successivo incontro, dopo un paio di mesi di attività piena da parte degli esercizi commerciali e quindi quando saranno superate le attuali restrizioni legate alla pandemia. A quel punto sarà possibile delineare una fotografia aggiornata della situazione. Come Confcommercio abbiamo inoltre ribadito la nostra piena collaborazione ad essere antenne e sentinelle del territorio, anche per quanto riguarda il rischio di penetrazione nel tessuto economico in difficoltà da parte della criminalità organizzata”.

Articolo precedenteSanremo, consegnate oggi alla farmacia dell’ospedale 1.000 dosi di vaccino AstraZeneca
Articolo successivoBigenitorialitĂ , proposta di legge della Lega in Regione. La consigliere Riolfo: “Comunicazioni degli enti regionali relative ai minori a entrambi i genitori”