Torna la stagione teatrale del Casinò di Sanremo, quell’appuntamento che ha contraddistinto l’offerta culturale e d’intrattenimento del teatro dell’Opera nel corso dei decenni passati e che oggi si ripresenta in maniera completa, offrendo al pubblico tre mesi di importanti pieces di livello nazionale.

Sei rappresentazioni per nove serate a teatro, da novembre 2017 a gennaio 2018,  con protagonisti di grande presa scenica, in cui generi e diversificate tematiche costituiscono uno spaccato variegato di cultura teatrale,  finalizzato a raggiungere numerose fasce di pubblico.

Abbiamo voluto recuperare la grande tradizione teatrale della nostra azienda con una nuova formula e al tempo stesso garantendo la medesima esclusività di proposte, quella che contraddistingue gli spettacoli e i momenti culturali del Casinò”- Sottolinea il consigliere Olmo Romeo, Vicepresidente di Federgioco – da questa ricerca è scaturito il programma  creato attraverso  una rosa di artisti tra i più conosciuti ed apprezzati dal pubblico, che si articola su tre mesi, come accadeva in passato. Il pubblico potrà scegliere tra pieces di grande interesse, che strappano gli applausi ad ogni sipario che si apre.  Completano l’offerta di intrattenimento e che si inserisce nel calendario eventi cittadino, un  ulteriore a-tout turistico e culturale. Gli spettacoli di novembre e dicembre si articolano in due serate , per permettere a un numero più ampio di spettatori di partecipare in un periodo dove le presenze in città aumentano.  Il Casinò ha consolidato la sua immagine di polo di intrattenimento, aperto alla città accattivante per vacanzieri  e per chi vuole poter scegliere la sua tipologia di serata. Sei spettacoli per sei grandi attori teatrali ed altrettante prestigiose compagnie, che consacrano il teatro d’autore al Casinò, rispettando l’appuntamento con il Capodanno, affidato quest’anno alla simpatia e alla padronanza scenica di Massimo Ghini.  Anche questo, riteniamo, un successo per una serata, che sarà indimenticabile in ogni sala  e per cui stiamo preparando delle interessanti sorprese.”

Da tempo riflettevamo sulla necessità che il Casinò potesse esprimere una stagione teatrale più rispondente alla sua tradizione, quindi più articolata, indirizzata ad un pubblico variegato, che apprezza gli spettacoli di grande qualità,dove si fondono intrattenimento, glamour ma anche esperienza ed originalità”- Afferma il Direttore Generale Ing. Giancarlo Prestinoni– “ Da questa esigenza è scaturito il programma che presentiamo con ben nove appuntamenti, in grado di soddisfare un numero di richieste maggiori, che ci aspettiamo proprio per l’esclusività delle pieces in cartellone e la grande attrattiva dei nomi inseriti. La componente teatrale della proposta culturale del Casinò, già forte di molti appuntamenti, inoltre, ha una sua precisa collocazione nel calendario dei nostri eventi, rafforzando l’appeal aziendale verso i nostri affezionati clienti, verso quelli potenziali ma anche per  un pubblico più generalista. Abbiamo collocato le rappresentazioni in momenti temporali importanti nell’organizzazione aziendali, per ottimizzare i ponti turistici e le vacanze natalizie, sostenendo il calendario, di grande qualità nella scelta dei testi teatrali con una mirata promozione. E’ questa una forma di intrattenimento culturale di forte impatto, importante per cementare l’immagine aziendale dal punto di vista dell’intrattenimento. Ci auguriamo,inoltre, di  riscuotere l’apprezzamento degli appassionati  per il ritorno di grandi  e nuovi protagonisti del mondo teatrale italiano, sancendo la funzione sociale del nostro teatro, ormai divenuto il palcoscenico al servizio della città, accogliendo più di trecento eventi annuali.  Stiamo già ricevendo moltissime prenotazioni per lo spettacolo di fine anno, una scelta di qualità per festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo. Ringrazio il team casinò per l’impegno profuso che ci ha permesso di riportare ancora più in auge la nostra stagione teatrale.”

 

La programmazione

La stagione teatrale del Casinò si apre con il gradito ritorno di Vittorio Sgarbi sabato 4 novembre  e domenica  5 novembre alle ore 21.15. Dopo la poetica trattazione dell’anno scorso su Caravaggio, la proposta 2017 riguarda un altro “immortale” Michelangelo, che verrà raccontato attraverso musica, immagini e la poetica trattazione del migliore prof. Sgarbi.  Le due “repliche” consentiranno di esaudire al meglio le richieste del pubblico.

Il Ponte dell’immacolata sarà allietato sabato 9 dicembre alle ore 21.15 e domenica 10 dicembre alle ore 16.30 da Ambra Angiolini e Matteo Cremon  in una divertente riedizione di un successo  teatrale e cinematografico “la Guerra dei Roses”. “La guerra dei Roses” è prima di tutto il titolo di un romanzo del 1981 e poi otto anni più tardi diventa un enorme successo cinematografico per la regia di Danny De Vito. L’autore del romanzo, Warren Adler, scrive anche il soggetto del film e in seguito deciderà di adattare questa vicenda anche per il teatro, creando una commedia straordinaria, raffinata e caotica al tempo stesso, comica e crudele, ridicola e folle, trovando forse in teatro la sua dimensione ideale, per la sua potenza espressiva e la sua dimensione terribilmente onirica.

Si rinnova e “raddoppia” lo spettacolo di Capodanno il 30 e il 31 dicembre alle ore 21.30 con la commedia “Un’ora di tranquillità” con Massimo Ghini e  Claudio Bigagli, Massimo Ciavarro, Alessandro Giuggioli, Galatea Ranzi, Luca Scapparone e Marta Zoffoli.  La scelta di prevedere le due date permetterà di soddisfare un numero maggiore di richieste. Negli ultimi anni, infatti, lo spettacolo del Capodanno aveva riservato non solo il “Sold out” ma anche un lungo elenco di  “attese”.

Si tratta di una  commedia moderna, brillante e divertente grazie al meccanismo del vaudeville giocato tra battute esilaranti. Il personaggio “centrale” è un uomo che cerca disperatamente un momento di solitudine e serenità per dedicarsi all’ascolto di un vecchio disco in vinile che è riuscito a rintracciare e acquistare. Ma tutta una serie di eventi e personaggi lo interrompono, in un crescendo che divertirà il pubblico, alla ricerca della tranquillità perduta.

Il calendario prosegue poi venerdì 6 gennaio 2018 ore 21.15  con Serena Autieri in “La sciantosa” , un testo intenso che permette di evidenziare la capacità dell’attrice di creare un intenso legame con il pubblico.

Sabato 13 gennaio 2018 ore 21.15 ritorna nel Teatro dell’opera un protagonista del grande teatro italiano d’autore Ugo Pagliai con il quartetto Prometeo in “Lettera  a mio padre”

La programmazione registra il successivo e ultimo atto con lo spettacolo sabato 20 gennaio 2018 alle ore 21.15 del Teatro Stabile di Genova  Le prenom (Cena tra amici) con Alessia  Giuliani, Alberto Giusta, Davide Lorino, Aldo Ottobrino, Gisella  Szaniszlò regia Antonio Zavatteri.

Una serata conviviale per cinque amici. Tra loro inizia un gioco di provocazione e di verità che si allarga sino a diventare il ritratto di una generazione alle soglie degli “anta”: tra piccole meschinità e grandi sentimenti

Contestualmente, verrà riproposta anche la programmazione per le scuole con appuntamenti rivolti, in particolare, agli istituti medi superiori che negli anni precedenti hanno raccolto vivaci consensi.

Articolo precedenteViaggio nella più antica pescheria di Imperia
Articolo successivoTurismo, Diano Marina guarda alla Scandinavia