edilizia

Le Federazioni Provinciali di FENEALUIL Liguria e FILLEA Cgil Imperia, sono a comunicare a tutti i lavoratori del settore delle costruzioni che dal 1 ottobre 2020 il regime delle prestazioni sanitarie non è più gestito direttamente dalle Casse Edili ma è passato in capo al Fondo SANEDIL come previsto dal rinnovo del CCNL edilizia ed affini sottoscritto il 18 luglio 2018.

Tra le principali modifiche rispetto al vecchio sistema c’è il diritto d’accesso al Fondo. Infatti avranno diritto alle prestazioni sanitarie tutti gli operai che hanno un versamento tre mesi prima della data della fattura, e tutti gli impiegati con almeno un versamento al SANEDIL il mese precedente alla data della fattura.

Entreranno in vigore rispettivamente due piani prestazioni, BASE e PLUS:

– BASE: per operai con un versamento Cassa Edile tre mesi prima della data della fattura, per impiegati con un versamento SANEDIL il mese prima della data della fattura.

– PLUS: per operai che hanno percepito il premio APE nell’anno in corso, per gli impiegati che hanno 24 mesi continuativi di versamento al Fondo SANEDIL.

Rimangono invariate invece le prestazioni Sociali sempre in capo alle Casse Edili territoriali.

Si è deciso in modo collegiale, con un accordo stipulato tra le Parti Sociali Territoriali di gestire la fase transitoria tra un sistema e l’altro al fine di permettere ai lavoratori i quali presentassero la necessità di veder liquidate delle fatture, di poter accedere comunque al sistema Cassa Edile fino al 30 novembre 2020.

Per tutto ciò che riguarda il Fondo SANEDIL sarà sempre competenza delle Casse Edili fare da tramite col Fondo Sanitario Integrativo, quindi il ruolo delle stesse sarà sempre fondamentale per il regolare accesso alle prestazioni sanitarie.

Articolo precedenteSanremo: minaccia i passanti con un paio di forbici, donna fermata dalle forze dell’ordine in corso Garibaldi
Articolo successivoSerie D: casi covid-19 nella Caronnese, rinviata la gara con l’Imperia