caco nagasaki

Questa mattina all’Agriturismo Monaci Templari di Seborga, alla presenza delle autorità civili, è stato piantato dai bambini un albero di cachi. Una pianta particolare, la seconda generazione dell’unico albero resistito al bombardamento di Nagasaki.

L’iniziativa è partita da un’idea di Flavio Gorni, proprietario dell’agriturismo. Da lì è nata l’associazione Kaki Tree for Peace, presieduta da Enrico Barla. Chicca Bruzzone è la vicepresidente.

“Dall’albero di Nagasaki, grazie ad un agronomo ne sono stati creati altri che sono stati donati in molte parti del mondo come simbolo di pace e speranza,” spiega Barla.

Alla cerimonia erano presenti i rappresentati delle amministrazioni di Bordighera, Vallecrosia, Sanremo, Seborga e la principessa di Seborga Nina Menegatto. Hanno partecipato anche il referente condotta Slow Food Luciano Barbieri, il Presidente Unicef Colomba Tirari.

A mandare i saluti anche l’ambasciatore giapponese a Milano che ha voluto dare un messaggio: “L’albero madre sopravvisse al bombardamento nonostante fosse rimasto con metĂ  del suo tronco bruciato. In seguito, Masayuki Ebinuma, un arboricoltore, curò l’albero e da esso fece nascere delle pianticelle. Trasmettiamo ai bambini del futuro i messaggi del potere della forza della vita e della tenacia nel superare le difficoltĂ . Impariamo l’importanza della pace.”

Questo albero è ancora piĂą particolare perchĂ© è l’ultimo che arriva direttamente dal Giappone. “Sono state, infatti, vietate le importazioni di piante straniere,” spiega Barla nella video-intervista visibile a inizio articolo. L’idea dell’associazione appena nata è anche quella di creare nuove piante da questa appena piantata così da poter proseguire questa tradizione ed espandere il simbolo di pace a chi ne farĂ  richiesta.

Ad aiutare nella cura della pianta saranno l’agrotecnico Giovanni Valenzano e l’agronomo Pierfranco Molinari.

Kaki Tree for Peace
Nella foto i soci fondatori dell’Associazione Kaki Tree for Peace
Articolo precedenteNuova asta per aiutare “Il sogno di Stefano”, la raccolta fondi iniziata due mesi fa per supportare Stefano Viola all’acquisto di una protesi speciale
Articolo successivoBordighera, pronta la nuova area giochi sul lungomare Argentina