Oggi Riviera Time vi porta alla scoperta di Cervo, magnifico borgo ligure nell’estremo levante della Provincia di Imperia. Cervo, da anni certificato tra “I Borghi più Belli d’Italia“, ha conservato intatte le sue originalissime caratteristiche di borgo medievale sul mare, protetto da torri e mura cinquecentesche e circondato da verdi colline.

Un primo nucleo abitato pare risalga addirittura all’età preistorica. Questo era abitato dai Liguri Ingauni, l’antica popolazione locale. Nel 181 a.C. Cervo venne conquistata dall’Impero Romano, fino alla sua caduta nel 476 d.C. All’inizio del XIII secolo si autoproclama comune indipendente accettando il protettorato della Repubblica di Genova, mentre nel 1330 diventa un feudo dei Cavalieri di Malta, ma solo per un breve periodo. Tra il XVI e il XVII secolo fu oggetto di numerose incursioni ad opera dei temibili pirati saraceni. Questi sbarchi, seguiti da razzie violente e brutali, erano un fenomeno comune un po’ in tutto il Ponente Ligure. Tuttavia, si concentravano maggiormente su Cervo siccome i pirati erano attratti dai traffici commerciali del corallo. Era, infatti, la pesca del corallo nei mari della Sardegna e della Corsica l’attività principale dei suoi abitanti.

Silvia Genta, della cooperativa culturale ARCA, racconta la storia e le peculiarità di questo antico borgo: la Piazza dei Corallini con la sua chiesa, il castello dei Marchesi di Clavesana, l’Oratorio di Santa Caterina, il Bastione di Mezzodì e Palazzo Viale.