[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/226151039″]Scappato dalle atrocità della guerra afghana circa due anni fa, Rahmani è arrivato in Italia su un gommone.

Un viaggio durato un anno tra deserti e mare che l’ha portato a Ventimiglia dove dalla scorsa estate aiuta Don Rito Alvarez a prendersi cura dei migranti bloccati nella città di confine.

Da profugo a volontario nel centro d’accoglienza della chiesa di Sant’Antonio in zona Gianchette, Rahmani racconta a Riviera Time la sua commuovente storia.

Articolo precedenteSicurezza a Sanremo, incontro Biancheri-Prefettura
Articolo successivoVentimiglia, si è riunita la Commissione Peba contro le barriere architettoniche