Negli ultimi 27 anni la popolazione di balenottere del Santuario Pelagos, a largo delle coste del Ponente ligure, è diminuita del 63%. Gli esemplari sono passati infatti da 900 a 330. A rivelarlo è la ricercatrice dell’Istituto Tethys Sabina Airoldi, dopo i rilevamenti via mare e gli studi aerei.

“Le cause del calo sono l’impatto antropico e la ricerca di alimenti”, spiega Airoldi. “Non tutti gli esemplari in inverno rimangono nel Santuario, buona parte va nella zona di Lampedusa a nutrirsi e torna nel Mar Ligure durante l’estate”.

Le brutte notizie non riguardano, tuttavia, soltanto le balenottere, ma si estendono anche al grampo. “”La popolazione si è dimezzata nell’ultimo periodo e da tre anni nessuno lo vede in acque italiane”, spiega ancora la ricercatrice.

Articolo precedenteLa Banca di Caraglio e il progetto ‘Qualità in condominio’
Articolo successivoVittoria Ottonello, artista tra immaginazione e paesaggio