video
03:32

Il Comune di Santo Stefano al Mare punta a ridefinire i suoi spazi: da un lato con i locali della casa di riposo Violante D’Albertis, da agosto tornata alla gestione diretta dell’amministrazione, dall’altro con l’acquisto dell’ex stazione ferroviaria.

A parlarne a Riviera Time il sindaco Marcello Pallini: “Vogliamo fare una rivisitazione di tutta la logistica e su questa riprogrammare i servizi”, spiega. “Abbiamo puntato sull’associazionismo e quindi daremo degli spazi alle associazioni, sull’implementazione del museo del mare e questo potremo farlo con l’acquisto della stazione. Ci sarà poi una rivisitazione dei servizi sociali, magari con un centro prelievi e un servizio di casa di riposo o similare. Dall’altra parte la rivisitazione degli spazi riguarderà anche gli uffici comunali, la protezione civile e tutto ciò che servirà per garantire un paese moderno e concreto”.

Sulle tempistiche il sindaco dice: “Per l’acquisto della stazione abbiamo dato incarico agli uffici di redigere il mutuo e portare avanti le pratiche. Abbiamo già un accorto con Area 24 quindi possiamo parlare di prossimi due mesi. Per i servizi sociali invece siamo in contatto diretto con Asl ed è un qualcosa in itinere”.  

Articolo precedenteUno specchio del cielo: tramonto agli Aregai di Santo Stefano al Mare
Articolo successivoCovid, Toti: “Al via linee senza prenotazione per vaccini. Super green pass fa salire prime dosi”