video

Come ogni anno a Santo Stefano al Mare la tradizione regala ai fedeli opere d’arte mai ripetitive: sono i tradizionali sepolcri che vanno ad ornare la parrocchia e l’oratorio con disegni di rara bellezza realizzati con polvere di marmo.

Rispetto agli anni passati questa Pasqua viene celebrata con l’assenza di colori e la semplicità del disegno che riporta ad un’epoca passata di pandemia, quella della peste, dove San Carlo Borromeo portò a Milano in processione il sacro chiodo per placare la piaga.

Una tradizione che, come ci ricorda Don Umberto Toffani, è importantissimo portare avanti, perché la vita stessa va avanti, oggi con alcune restrizioni, ma presto tornerà con la sua pienezza e la sua ricchezza.

Le immagini delle splendide opere d’arte nel videoservizio di Riviera Time.

Articolo precedenteDiano Marina, nasce il gruppo di lettura “i lettori selvaggi” alla biblioteca civica
Articolo successivoServizio idrico provincia di Imperia, stabiliti indennizzi dopo subentro di Rivieracqua. Toti: “Risolto problema decennale, ora comincia il futuro”