Progetto Sea-ty Santo Stefano al Mare

È in programma sabato 24 luglio alle 21.30 in Piazza Baden Powell a Santo Stefano al Mare la serata in compagnia di Sea-ty alla scoperta delle meraviglie sommerse della Secca di Santo Stefano. In linea con l’obiettivo del Progetto Sea-ty, quello cioè di conoscere e proteggere la Secca di Santo Stefano, la serata – ad accesso libero – sarà dedicata alla scoperta di quest’area sottomarina, poco distante dalla costa, attraverso la proiezione di video e fotografie spettacolari, con racconti e approfondimenti semplici e alla portata di tutti – adulti e bambini – grazie agli specialisti che porranno l’attenzione sulle peculiarità della Secca e sui suoi abitanti.

Nel corso della serata, AWorld, l’App ufficiale delle Nazioni Unite a supporto della campagna contro il cambiamento climatico ActNow, lancerà una sfida per il progetto Sea-ty. La piattaforma supporterà infatti l’iniziativa attraverso la creazione del team “Sea-ty”, al cui interno si troveranno contenuti educativi relativi all’impatto del cambiamento climatico sul mare, nonché alla sua importanza in termini di biodiversità. AWorld, European Research Institute e Fondazione Compagnia di San Paolo chiedono alle rispettive community di impegnarsi per risparmiare 50 tonnellate di Co2 in due mesi (24 luglio-30 settembre). Al raggiungimento di questo obiettivo, il progetto Sea-ty si impegnerà a liberare ulteriormente la Secca dalle reti fantasma dopo l’attività di recupero in programma il 23 luglio.

Sea-ty è un progetto di European Research Institute realizzato con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito della Missione Proteggere l’ambiente dell’Obiettivo Pianeta, in collaborazione con il Comune di Santo Stefano al Mare, l’associazione Reef Check Italia e l’associazione Informare, con il fine di rileggere il legame tra il mare e la città. Non solo un gioco di parole, come suggerisce il nome, ma un percorso di conoscenza, sensibilizzazione e valorizzazione di un’area marina speciale e unica completamente sommersa, la cui presenza è centrale per l’attività e il benessere umano.

Articolo precedenteTriora, soccorso dei Carabinieri Forestali ciclista colpito da malore
Articolo successivoServizio Fitosanitario regionale, il vicepresidente Piana: “Lavoro non stop e controlli moltiplicati”