via pietro agosti sanremo

Il portavoce cittadino di Fratelli d’Italia, Antonino Consiglio, anche a nome dei presidenti dei Dipartimenti Lavori Pubblici, Alessandro Albiosi, ed Attività produttive, Alfredo Guerrino, chiede un intervento da parte del Comune per garantire una maggiore sicurezza ai pedoni in Via Pietro Agosti.

“Abbiamo ricevuto – spiega il portavoce Consiglio – diverse segnalazioni da parte di esercenti e di cittadini per la situazione di pericolo nella zona di Via Pietro Agosti all’uscita dell’Aurelia bis, determinata, soprattutto, dalla carenza dell’impianto di illuminazione stradale. Questa scarsa illuminazione non solo mette in difficoltà chi è alla guida dei mezzi ma mette a rischio l’incolumità di pedoni o ciclisti: più di una volta, infatti, in questa zona si sono verificati incidenti che hanno visto coinvolte persone, spesso anziane, che percorrevano o si accingevano ad attraversare questo tratto di strada”.

“È pur vero – continua Consiglio – che lungo questo tratto di strada sono stati installati degli attraversamenti pedonali rialzati, proprio per garantire maggiore protezione e sicurezza a chi attraversa la strada, ma paradossalmente proprio in questi punti l’illuminazione è ancora più scarsa che altrove”.

“Ci auguriamo che il Comune quanto prima attui degli interventi mirati ad aumentare l’intensità luminosa dei lampioni posizionati lungo questo tratto di strada, in modo da migliorare il campo visivo di chi è alla guida e, soprattutto, consentire a pedoni e ciclisti di farsi vedere: una miglioria che contribuirà a garantire una maggiore sicurezza all’intera zona e, soprattutto, a scongiurare – conclude Graziano Pedante, vice portavoce cittadino – incidenti che potrebbero avere gravi, se non letali, conseguenze per chi vi è coinvolto”.

Articolo precedenteConfartigianato: a Sanremo i corsi di formazione in tema di sicurezza sul lavoro per dipendenti in azienda
Articolo successivoTamponi, capacità di individuare omicron e Festival di Sanremo, Poggi: “Oltre 6mila test in due settimane per la kermesse”