rock in the casbah

Continua inarrestabile Rock in the Casbah 2019: Venerdì 2 agosto Piazza San Costanzo entra nel vivo, con giovani nomi importanti del panorama nazionale e un (primo) gran finale in dj set.

Per questa sera il programma si apre con Ilaria Allegri. Cantante torinese formatasi al Conservatorio con studi in violino, canto lirico e jazz, è stata corista di Eugenio Finardi ed è fondatrice e leader della band Re-Beat, gruppo che riporta in voga il leggendario sound degli anni 50/60, tra twist esagerati e dannato rock’n’roll. Una presenza vibrante e fascinosa.

Si procede nel segno della canzone d’autore made in Liguria. Geddo è un cantautore puro e coerente nel suo percorso di anni: dopo esperienze nel blues e nel rock il progetto inizialmente collaterale di brani propri prende il sopravvento e, a corollario, di un’appassionata gavetta live, Geddo arriva al primo lavoro discografico con l’intimo “Fuori dal comune” (2010). L’interesse suscitato e le peculiarità del linguaggio musicale lo pongono da subito all’attenzione degli addetti ai lavori che ne colgono l’attualità e un’attitudine alla canzone d’autore piena di radici ma giammai con la testa rivolta all’indietro. Una conferma preziosa per chi lo apprezza; una scoperta rivelatrice per coloro che non hanno ancora avuto modo di incontrarlo.

E ancora i Deschema nascono ufficialmente nel 2016 dopo anni di attività che hanno accomunato i componenti della band in precedenti esperienze di palco e di vita, spinti dal desiderio di assecondare nuovi input compositivi, nuove sonorità elettroniche, nuovi obiettivi.

Ma la terza serata Rock in the Casbah 2019 riserva anche una grande sorpresa che arricchisce significativamente questa edizione, ovvero la presenza di Braschi, cantautore classe 1991, scelto, nel 2017 fra gli otto vincitori del concorso Area Sanremo per presentare il suo brano “Nel mare ci sono i coccodrilli” sul palco dell’Ariston nella sezione Nuove Proposte. Si è esibito successivamente nel concertone del Primo Maggio a Roma. Nonostante la giovane età, ha diverse esperienze importanti alle spalle, tra cui alcune collaborazioni internazionali con i Calexico e il produttore e musicista JD Foster (lo stesso di Vinicio Capossela). Questa estate è uscito il suo nuovo singolo “Il cuore degli altri” (con video molto interessante), antitesi ai tormentoni estivi più scontati e commerciali. 

La sua presenza nella rassegna avviene all’interno di un progetto promosso da Nuovo Imaie (a sua volta scaturito dai riconoscimenti avvenuti al Premio Bindi di Santa Margherita) per favorire la circuitazione di giovani talenti.

Chiude la penultima serata di Rock in the Casbah il dj set degli Adventures, collettivo che da tempo firma le serate estive (e non solo) della Riviera, con ricercate e contemporanee sonorità elettroniche.

Rock in the Casbah è organizzato dalla Associazione Fare Musica nell’ambito del calendario estivo del Comune di Sanremo che da sempre sostiene l’evento con un contributo economico.

Il gruppo operativo di Fare Musica che svolge il lavoro logistico ed artistico è composto da Larry Camarda, Enzo Cioffi, Giancarlo Forte, Angelo Giacobbe e con Simone Parisi.

Importante e fattiva la collaborazione di numerose figure che collaborano in prima linea quali Valerio Tudini ed altre che, nel tempo, hanno acquisito una specifica competenza sulla manifestazione.

La visual art è ancora una volta a cura di Danilo Bestagno.

Simone Parisi, alias Radiomandrake, intratterrà anche e presenterà tutte le serate, coinvolgendo il pubblico della Pigna con la sua personale interpretazione di “radio” in diretta.

L’allestimento audio-luci è a cura di Pico Service.

Il servizio bar, organizzato da Fare Musica, sarà attivo in tutte le sere delle manifestazioni.

L’inizio dei concerti è previsto ogni sera alle ore 21.30. Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero.

Articolo precedentePietro Zandonella, il bagnino che sogna di diventare comandante
Articolo successivoBordighera, superati limiti di velocità in via Arziglia e via Vittorio Emanuele: 112 infrazioni in 5 giorni. Ingenito: “Segnale da non sottovalutare”