amaie energia

Il circolo di Rifondazione Comunista “Valeria Faraldi” Sanremo Taggia interviene con una nota stampa per segnalare, ancora una volta, il forte disagio davanti alle condizioni in cui lavoratrici e lavoratori di Amaie Energia prestano il loro servizio presso il centro di raccolta di piazza Muccioli. 

“Il centro è praticamente posto in un cavedio privo di uscite di sicurezza, la ventilazione insufficiente e particolarmente rumorosa”, commenta. “L’uso di mascherine FFP2 è necessario non tanto per motivi pandemici quanto per i miasmi che rendono l’aria irrespirabile sia per gli utenti che, soprattutto per chi in quella ‘camera a gas’ ci deve lavorare giornalmente e per 8 ore. I bagni di servizio fatiscenti e il proliferare di topi inarrestabile. In questa estate torrida, la temperatura elevata ha contribuito ad aumentare questi miasmi con il serio rischio di malesseri dei lavoratori. La soluzione proposta dai responsabili è da considerarsi non solo inadeguata ma crediamo decisamente offensiva. Viene proposto ai lavoratori di sostare al di fuori del locale all’aperto, dove non c’è alcun riparo dalle intemperie o dal caldo afoso”. 

“Auspichiamo che la dirigenza di Amaie Energia ponga velocemente rimedio a tali inumane condizioni di lavoro e di accoglienza per l’utente, sarebbe spiacevole intervento dell’Asl o di altri organi competenti”, conclude.