È stato presentato questa mattina in comune a Sanremo il progetto della tanto attesa rotatoria nel quartiere la Foce. Ad intervenire il sindaco Alberto Biancheri, l’assessore al Demanio, Mauro Menozzi, l’assessore ai Lavori Pubblici, Giorgio Trucco e l’architetto Simone Perrone.

Un intervento che i residenti della zona aspettano da decenni e che ora, finalmente, vedono realizzarsi. La costruzione della rotonda all’altezza del pericoloso incrocio tra corso Matuzia e corso degli Inglesi avrà sicuramente un buon impatto sulla viabilità della zona e sulla sicurezza.

Il progetto, uno degli obiettivi di mandato dell’Amministrazione Biancheri, si profila
strategico per la viabilità e si è articolato dapprima con la presa in possesso dell’area,
poi con la progettazione dell’opera, quindi con la successiva demolizione del
manufatto dell’ ex benzinaio per arrivare al progetto esecutivo e all’apertura del bando
di gara per il relativo appalto.

Il bando di gara verrà chiuso entro fine anno: i lavori (il cui importo si aggira sui 750 mila euro) inizieranno a gennaio 2019; la durata prevista dei lavori è di circa 90 giorni. A questa operazione propedeutica si aggiunge quella di modifica della linea filoviaria di cui si occuperà RT (come previsto nel quadro economico).

La rotatoria, inoltre, sempre come evidenziato nel PUT, è un “elemento di
moderazione della velocità” che contribuisce a generare un flusso continuo e regolare
di mezzi. A questo proposito va sottolineato che sui tre bracci che introducono alla rotatoria
saranno creati attraversamenti pedonali rialzati che garantiranno una maggior fruibilità pedonale, anche a passeggini e sedie a rotelle, ad esempio.

La rotatoria, però, è altresì volano per la riqualificazione dei giardini. Attraverso la
riprofilatura delle aiuole, infatti, verrà creata una fascia verde continua che separerà i
giardini dai flussi veicolari mentre gli stessi giardini saranno ripavimentati con l’inserimento di isole in porfido e percorsi in cemento architettonico. Questi ultimi sono stati pensati per essere fruibili anche da persone su sedia a rotelle o non vedenti attraverso i cambi di pavimentazione.

Nel giardino di ponente verrà ricollocata e rifunzionalizzata la fontanella in marmo
ad oggi in disuso. I giardini saranno illuminati con luci coerenti con quelle da poco installate nei giardini a levante in modo da fornire un’immagine unitaria e gradevole.

Le interviste al sindaco Alberto Biancheri e all’architetto Simone Perrone.