“È stata deliberata in Giunta una pratica molto importante, un atto preliminare che fa seguito ad un preciso indirizzo voluto da questa Amministrazione comunale che intende affidare ad Amaie Energia la gestione del Mercato dei Fiori di Valle Armea“.

Lo annuncia con soddisfazione Lucia Artusi, assessore all’Ambiente del Comune di Sanremo che precisa: “Ad Amaie Energia spetterà la manutenzione ordinaria e straordinaria della struttura ma anche la gestione dei ricavi derivanti dal mercato dei fiori e dell’ortofrutta”.

“Come potete ben capire – dice – si tratta di una pratica molto complessa che è stata preceduta da una lunga serie di incontri al termine dei quali si è deciso per una concessione trentennale a fronte di un canone annuo di 330.000 euro a carico di Amaie Energia”.

“Il carattere di urgenza è dato dal fatto che la pratica va approvata in tempi brevi per poter dare il via ai lavori di ristrutturazione necessari per avviare il processo di posizionamento delle aule destinate agli studenti dell’Istituto Ruffini Aicardi all’interno della struttura di Valle Armea”.

L’assessore Artusi prosegue dicendo che “Nella riunione di Giunta comunale abbiamo deliberato un atto preliminare con scadenza ottobre 2020 che possa consentire ad Amaie Energia di avviare i lavori indispensabili di messa in sicurezza e dare così il via libera all’utilizzo delle nuove aule nei tempi previsti. Contiamo di porre le firme definitive sulla gestione del Mercato Fiori sempre ad ottobre prossimo“.

Quali saranno le modalità di pagamento del canone? “Il primo canone – spiega Lucia Artusi – entrerà interamente nelle casse comunali, quelli successivi saranno integralmente impegnati dalla stessa Amaie Energia per ristrutturazioni ordinarie e straordinarie con costi che dovranno essere pari a 330.000 euro. Ciò consentirà di mantenere adeguata agli standard attuali una struttura datata, liberando il Comune dalla gestione di un’area complessa e di ben 11.000mq“.

“Forte di questo atto ufficiale, Amaie Energia potrà programmare il futuro del Mercato Fiori, pianificando investimenti ed eventuali accensioni di mutui grazie ad una convenzione così lunga”.

“Va ben chiarito – sottolinea l’assessore – che da tutto ciò vengono escluse le aree destinate allo sport e alle scuole che restano di competenza del Comune”.

“La soddisfazione piena – conclude la Artusi – è di entrambe le parti e voglio approfittare per ringraziare gli Uffici comunali che con grande spirito di collaborazione e disponibilità non si sono mai tirati indietro alle richieste di incontri, riunioni, chiarimenti: è anche grazie a loro che stiamo riuscendo a chiudere una pratica che Palazzo Bellevue tratta da tre anni”.