chiesa san siro

Il prossimo 30 aprile l’Azione Cattolica Italiana vivrà un momento molto significativo: Armida Barelli, esempio di grande donna socialmente e politicamente impegnata, sarà beatificata in Duomo a Milano.

Nasce a Milano nel 1882 in una famiglia dell’alta borghesia milanese, seconda di sei figli, diviene un importante riferimento per moltissime giovani che incontrerà percorrendo tutta l’Italia con ogni mezzo per insegnare e fondare circoli di formazione. In un momento storico complicato, nel 1918 Papa Benedetto XV le affida il compito di fondare la Gioventù femminile in tutta Italia. Lavora con impegno e a testa alta durante tutto il periodo del fascismo, non abbassando mai la guardia. Diviene cofondatrice con Padre Agostino Gemelli dell’Università Cattolica e incarna una visione tutta nuova del ruolo e delle possibilità della donna: sono centinaia di migliaia le giovani che riesce a coagulare attorno agli impegnativi propositi della GF, proponendo loro gli ambiti traguardi di “essere per agire”, “istruirsi per istruire”, “santificarsi per santificare”.

Instancabile, lavora per coinvolgere e istruire, andando contro la mentalità del tempo che aveva una certa visione della donna. Autonoma e decisa, vivrà la sua vita da laica consacrata. Muore nel 1952, lasciando un’impronta ormai indelebile nel laicato cattolico femminile e non solo.

L’Azione Cattolica della diocesi di Ventimiglia-Sanremo, ha organizzato una serata per conoscere questa “sorella maggiore”, come amava definirsi e per festeggiare la sua beatificazione.

L’incontro sarĂ  presso la parrocchia di San Siro a Sanremo a partire dalle ore 19 di sabato 30 aprile: “SarĂ  un modo per incontrarsi e conoscere un po’ piĂą approfonditamente l’immensa personalitĂ  di Armida Barelli, figura davvero significativa per l’intraprendenza, il carisma, la fede e la capacitĂ  profetica di precorrere i tempi”, commenta Laura Ferrari, presidente diocesana di Azione Cattolica.