Sanremo, l’8 e 9 agosto torna il ‘Festival dei Boschi’ sui prati di San Romolo

L’8 e 9 agosto si terrĂ  la VI edizione del “Festival dei Boschi” sul prato di San Romolo in collaborazione tra Comune di Sanremo, Assessorato al Turismo e Manifestazioni e Associazione culturale “Popoli in Arte” odv.

“Mai come in questo anno – commenta l’organizzazione – il Festival dei Boschi è una giornata di festa in cui tutti e tutte, dai 0 ai 99 anni, possono lasciarsi coinvolgere in una festa in cui tutti e tutte sono protagonisti insieme con i musicisti, gli artisti e artigiani, le guide escursionistiche e gli esperti di flora e fauna locali, gli specialisti di attivitĂ  fisiche, artigianali e musicali per bambini/e e ragazze/e, il cantastorie dell’educazione popolare, che animeranno il sabato pomeriggio e sera e tutta la giornata della domenica.

In piĂą – continua – rispetto agli scorsi anni sono cresciute le sinergie con il territorio, in primis, gli abitanti delle frazioni di San Romolo e Borello, gli esercizi commerciali della zona e tre realtĂ  quali l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, che con il suo quintetto di fiati aprirĂ  il Festival, il Consorzio forestale di monte Bignone, con cui si espone una mostra sulla storia geologica e antropica di San Romolo negli ultimi cento anni e la Compagnia Stabile “CittĂ  di Sanremo”, che presenterĂ  una sua produzione dedicata in tarda mattinata di domenica.

Le escursioni, a piedi, avranno come destinazione monte Caggio e monte Carparo il sabato pomeriggio e ancora monte Carparo e monte Bignone la domenica mattina.

Sebbene ci si possa iscrivere anche sul posto, è preferibile prenotare in anticipo la propria partecipazione, per evitare file. Essendo questo un anno particolare, come tutti sappiamo, i partecipanti troveranno la presenza della Protezione civile e altri piccoli accorgimenti perché tutto l’evento possa svolgersi in sicurezza.

Prendiamo il respiro e immergiamoci nella ricchezza dei boschi e del Prato di San Romolo. Incontriamoci e divertiamoci sul filo del tema ‘Ponte di terra e di mani'” – conclude.