polizia

In una sera di fine agosto dell’anno scorso, un turista in vacanza con la propria famiglia mentre era in attesa di parcheggiare la propria autovettura veniva avvicinato da due uomini a bordo di uno scooter con casco calzato, uno con un gesto repentino si infilava con mezzo busto all’interno dell’autovettura e con violenza gli strappava l’orologio dal polso. Tra i due nasceva una colluttazione alla fine della quale l’uomo a bordo del ciclomotore si impossessava dell’orologio, del valore di circa quarantamila euro di una nota casa svizzera.

Dopo la segnalazione di quanto accaduto gli equipaggi sul territorio e gli uomini della Sezione Investigativa cercavano di ricostruire l’episodio delittuoso e in poche ore riuscivano a risalire allo scooter a bordo del quale era stata perpetrata la rapina.

Dalle ricerche diramate sul territorio il veicolo veniva ritrovato regolarmente parcheggiato nella locale Via Anselmi. Lo stesso è risultato di proprietà di un uomo residente a Napoli e già risultato come prestanome per intestazioni fittizie di diversi veicoli e utilizzati per compiere rapine, furti e altri reati di carattere predatori.

Gli uomini della Sezione Investigativa ponevano in essere un’attività d’indagine da cui risultava che l’attività delittuosa era stata organizzata in ogni dettaglio nella città partenopea e poi era stata messa a segno a Sanremo con una vera e propria “trasferta” da Napoli al termine della quale ognuno è tornato presso la propria abitazione dopo aver commesso il colpo.

Il veicolo veniva posto sotto sequestro e dall’attività di indagine che ne è seguita è risultato che il ciclomotore ha viaggiato a bordo di un furgoncino noleggiato ad hoc in modo che ne rimanesse celata la targa fino al compimento della rapina oltre che per giungere più velocemente a Sanremo.

Gli uomini ritratti dalle telecamere di videosorveglianza cittadine erano completamente sconosciuti alle Forze dell’Ordine del luogo e pertanto la loro individuazione non è stata semplice.

Grazie ai collegamenti fatti dagli uomini della Sezione Investigativa con altri eventi delittuosi commessi in altre parti d’Italia e gli accertamenti compiuti sullo scooter si riusciva a risalire a tre soggetti pluripregiudicati napoletani che sono soliti commettere tali tipi di reati in concorso tra loro tutti e tre circa trentenni. Al termine dell’attività investigativa i tre venivano indagati per rapina aggravata in concorso.

Articolo precedenteBajardo: una carta dei sentieri del paese per valorizzare e continuare a mantenere i suoi 80 km di itinerari nel verde
Articolo successivoCovid: 54 nuovi positivi in Liguria, 2 ricoveri in Asl1. Un decesso