Questa mattina il Sindaco Alberto Biancheri ha incontrato Marco Torre, segretario cittadino del Partito Democratico. L’appuntamento odierno è stato il primo passaggio per iniziare a confrontarsi sui punti strategici che andranno a comporre il futuro programma amministrativo per il prossimo mandato.

Al termine dell’incontro il Sindaco ha così commentato: “E’ stato uno dei tanti incontri che tengo frequentemente con tutte le forze di maggioranza. Ho colto l’occasione per rimarcare l’apprezzamento per il lavoro che stanno portando avanti gli assessori e i consiglieri del Partito Democratico all’interno della squadra amministrativa, che hanno ben collaborato in questi anni per l’ottenimento di risultati molto significativi per la città. Più in generale – specifica il Sindaco – ho ribadito un concetto che ho sempre espresso in questi anni: le differenze, se ben sintetizzate in una visione e in un’azione comuni, rappresentano una ricchezza, anche programmatica, come del resto dimostrato in questi anni, con la componente di centrosinistra all’interno della coalizione che ha dato un sostanziale contributo su temi di particolare rilevanza. Come l’ambiente, dove abbiamo compiuto straordinari passi in avanti in questi anni per superare un sistema terzomondista: con Sanremo capofila tra i grandi comuni della provincia nel sistema della raccolta differenziata, si è arrivati ad oltre 1000 tonnellate in meno di rifiuti in discarica, consentendo a tutto il territorio imperiese di non aprire un lotto 7. O per la scuola, settore dove l’amministrazione ha ereditato una situazione disastrosa e ha stanziato risorse per la loro messa in sicurezza come non accadeva da decenni, anche grazie al contributo dei Governi precedenti. O anche per le politiche sociali, dove in questi anni è stato un grosso lavoro per non lasciare indietro nessuno”.

Il segretario cittadino Marco Torre ha aggiunto: “Confronto molto costruttivo, che prosegue in modo continuo e puntuale anche sulle pratiche più importanti che sono giunte a maturazione nel loro iter burocratico in questo ultimo periodo di mandato, per esempio sul mercato Annonario, su piazza Borea d’Olmo e completamento Via Matteotti, sull’Auditorium Franco Alfano e anche sulla riqualificazione del Porto vecchio e lo sviluppo del fronte mare. Leggendo alcune recenti dichiarazioni – aggiunge Marco Torre – devo dire che se il candidato Tommasini avesse una minima idea dei tempi necessari per istruire un progetto, non avrebbe sprecato la propria intelligenza a coniare il neologismo di “proattività”. I cittadini potranno verificare che questa amministrazione ed il Partito Democratico protagonista al suo interno hanno sempre mantenuto un impegno costante dall’inizio e che, pur vedendo alle volte sensibilità diverse confrontarsi, hanno sempre avuto al centro la volontà di offrire alla città occasioni di sviluppo e di lavoro nel rispetto dell’ambiente e dei diritti e con questo intento si ripropongono di proseguire per un nuovo mandato”.