Aleksandr Kantorov

Il sindaco Alberto Biancheri e l’assessore alla cultura Silvana Ormea esprimono apprezzamento per il riconoscimento conferito nei giorni scorsi al maestro Alexander Kantorov:

“Il maestro Kantorov ha ricevuto la pergamena e le insegne di Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia sul palco della Filarmonica Shostakovich di San Pietroburgo. Un riconoscimento davvero prestigioso, per il quale esprimiamo il piĂą sentito apprezzamento al celebre artista e direttore dell’Orchestra Sinfonica Classica di San Pietroburgo. E ci permettiamo di andare fieri di questo riconoscimento anche come cittĂ , perchĂ© è stato conferito al maestro non solo per il suo importante contributo allo sviluppo dei rapporti culturali tra Italia e Russia ma anche per aver promosso attivamente la collaborazione con Sanremo, inaugurando nel 2011 il Festival Internazionale intitolato a ÄŚajkovskij. “L’impero di ÄŚajkovskij” è nato proprio per rendere omaggio al piĂą grande musicista russo, ospite di Sanremo nel 1877-78 dove scrisse pagine musicali indimenticabili. L’iniziativa, che ha riscosso un notevole successo, è stata poi ripetuta confermando la generositĂ  del maestro Kantorov e delle istituzioni russe che hanno contribuito alla realizzazione di questo importante evento musicale. E ci piace ricordare come l’anno precedente il maestro Kantorov, conoscitore della nostra cittĂ  e della sua storia strettamente legata alla presenza di ospiti russi, abbia avuto l’idea di rendere omaggio alla piĂą illustre visitatrice di Sanremo: l’imperatrice Marija Aleksandrovna, consorte di Alessandro II. Grazie al suo interessamento, è stato donato a Sanremo e inaugurato nel maggio 2010 sulla passeggiata ancor oggi dedicata al nome della sovrana russa, un busto in bronzo dell’imperatrice. Per tutti questi motivi, nel 2013 il maestro Kantorov ha ricevuto la targa d’onore “Amico di Sanremo”, un riconoscimento per suo il grande contributo ai rapporti culturali tra la nostra cittĂ  e la Russia”. 

Articolo precedenteCovid, Toti: “Aumenteremo la percentuale di alunni presenti in classe al 70%. Lo riteniamo prudente”
Articolo successivoSanto Stefano al Mare: al via il progetto Sea-ty con la pulizia delle spiagge