rock in the casbah

Non appena conclusi i fasti di Bravo Jazz 2019, ecco che il centro storico di Sanremo torna protagonista con il festival rock più radicato del Ponente ligure, quest’anno atteso all’importante traguardo dei suoi vent’anni.

“Rock in the Casbah”, in programma da mercoledì 31 luglio a sabato 3 agosto a Sanremo, torna pertanto con la sua straordinaria energia per confermare una immagine altra del centro storico spesso ritenuto a torto luogo pericoloso, lontano da rotte turistiche.

Vent’anni che hanno praticamente avvicinato due generazioni ad un diverso rapporto con le vecchie mura della Pigna, scoprendole per quello che sono: una straordinaria risorsa di verità e bellezza, il cuore della città storica, quella che conserva la sua più viva autenticità.

Organizzata dall’Associazione Fare Musica con il contributo del Comune di Sanremo Assessorato alla Cultura e Turismo propone domani, mercoledì 31 luglio, la prima di quattro serate di live dedicate al rock in tutte le sue sfumature, e promette un gran finale con un ritorno importante: sabato 3 agosto, ecco i Meganoidi, gruppo che era stato protagonista in una precedente edizione, segnando una sorta di svolta nella storia della rassegna.

Start quindi mercoledì 31 luglio: Rock in the Casbah si apre all’insegna del rock “old school” con Mr. Sleazy Band. La band, riunita intorno al suo fondatore Mr Sleazy, dal 2011 accende un repertorio hard-rock/glam, e con una formazione di musicisti piuttosto noti nella scena ligure si appresta a portare la carica del suo rock and roll “vecchia maniera”, fatto con la grinta giusta e con passione innata dei suoi componenti.

La serata prosegue con Pepè, originale cantautore originario del Sud Italia e naturalizzato a Sanremo, unisce elementi e ispirazioni del mezzogiorno con una poetica personalissima, frutto di viaggi (la permanenza a Barcellona) ed incontri.

Si prosegue con i Waste Pipes, giovani alfieri del rock n’roll e affezionati sostenitori delle calde sonorità anni ’70, ma aperti ad ogni possibile influenza. Nati nel 2003 e con tre cd all’attivo, calcano le scene con un’intensa attività live in Italia e all’estero.

A chiudere arrivano infine i Dobermann: con un pedigree ‘on the road’ conquistato metro dopo metro per le strade di mezza Europa sono tre rockers purosangue, protagonisti di uno spettacolo infuocato che non si ferma mai. La band nasce nel 2011 da un’idea del bassista e cantante Paul Del Bello, con lui il chitarrista Valerio ‘Ritchie’ Mohicano e il batterista Antonio Burzotta.

Il gruppo operativo di Fare Musica che svolge il lavoro logistico ed artistico è composto da Larry Camarda, Enzo Cioffi, Giancarlo Forte, Angelo Giacobbe e con Simone Parisi.

Importante e fattiva la collaborazione di numerose figure che collaborano in prima linea quali Valerio Tudini ed altre che, nel tempo, hanno acquisito una specifica competenza sulla manifestazione.

La visual art è ancora una volta a cura di Danilo Bestagno.

Simone Parisi, alias Radiomandrake, intratterrà anche e presenterà tutte le serate, coinvolgendo il pubblico della Pigna con la sua personale interpretazione di “radio” in diretta.

L’allestimento audio-luci è a cura di Pico Service.

Il servizio bar, organizzato da Fare Musica, sarà attivo in tutte le sere delle manifestazioni.

L’inizio dei concerti è previsto ogni sera alle ore 21.30. Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero.

Articolo precedenteAmaie Energia e Riviera Time: differenziare anche in spiaggia
Articolo successivoImperia, il Consiglio vota per la gestione pubblica del Porto, Lanteri: “Giusto ma ora passiamo ai fatti”