luca lombardi

Fratelli d’Italia Sanremo ha presentato un’interpellanza sui dissesti stradali in zona Baragallo. Di seguito il testo.

“PREMESSO che molte sono le segnalazioni da parte di cittadini sulle condizioni disastrate del manto stradale di molte vie della nostra città, tra cui Via Tasciaire e Via Margotti nel quartiere Baragallo, dissesto in molti punti causato, come ad esempio in Via Margotti, anche dalle radici degli alberi che sollevano l’asfalto e la pavimentazione;

PREMESSO, ancora, che queste condizioni creano non poche difficoltĂ  agli utenti di queste strade, soprattutto ai residenti che devono raggiungere le loro abitazioni, rappresentando un rischio ed un pericolo sia per chi le percorre alla guida di automezzi, in particolare di motoveicoli, ma anche per chi le percorre a piedi;

EVIDENZIATO che l’incuria del manto stradale è notevolmente accentuato dalle piogge che contribuiscono a peggiorare lo stato delle buche, dei dissesti e degli avvallamenti già presenti e sintomo di una manutenzione ordinaria spesso affrettata e non eseguita a regola d’arte;

CONSIDERATO che il manto stradale sconnesso e dissestato moltiplica il rischio di incidenti stradali con la conseguenza che il Comune viene esposto a possibili richieste economiche risarcitorie da parte degli utenti della strada che possono subire danni sia materiali che fisici;

INTERPELLA

il Sindaco e la Giunta

– per conoscere se intenda ripristinare a breve termine il manto stradale delle strade citate in premessa – via Tasciaire e via Margotti – per garantirne la sicurezza e la vivibilitĂ ;

– per sapere quale sia l’attuale livello di finanziamento della manutenzione del suolo pubblico e se esista un cronoprogramma per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle vie cittadine e quali siano le tempistiche di realizzazione degli interventi per riparare e superare il problema delle strade dissestate”.

Articolo precedenteVentimiglia, in arresto per spaccio un 60enne pluripregiudicato
Articolo successivoLong covid: cos’è, come e quando si manifesta? Parola al pneumologo Claudio De Michelis