video

È ancora molto attuale l’argomento Festival in particolare a Sanremo. In generale le istituzioni hanno archiviato con soddisfazione l’edizione n.71 anche se ci sono alcuni distinguo.

“Come esponente della Lega in Consiglio Comunale avevo chiesto di rinviare di qualche mese lo svolgimento del Festival – dice Daniele Ventimiglia capogruppo del Carroccio a Palazzo Bellevue.

“Il rinvio avrebbe aiutato molto di più il nostro tessuto commerciale – dice – ma questo non è avvenuto, la Rai si è rifiutata di posticipare l’evento, il Comune ha dovuto accettare l’imposizione per evitare tensioni “.

“Però io partirei dalla fine. La Rai quest’anno ha incassato 38 milioni di euro dagli spot pubblicitari collegati al Festival, cioè un milione in più dell’anno scorso nonostante il 7% in meno di share e il milione in meno di ascolti. Fonti giornalistiche molto attendibili parlano di un introito netto di quasi venti milioni da parte della Rai per confermare che il Festival garantisce ascolti e incassi come nessun altro programma televisivo”.

“Mi chiedo allora – prosegue Ventimiglia – se non sia il caso di pretendere di più dei soliti cinque milioni. Ogni anno aumentano gli incassi della pubblicità festivaliera, perché il Comune non ne può beneficiare, magari iniziando a chiedere un milione di più?”

“C’è poi l’aspetto negativo dei mancati guadagni dei nostri commercianti, una perdita valutata intorno ai dieci milioni. La Lega chiede che vengano erogati ristori o risarcimenti molto in fretta e se è vero che a decidere il contestatissimo cambio di colore in pieno Festival è stata la Regione che ha una ampia rappresentanza leghista al suo interno, non deve mancare mai lo spirito critico e soprattutto dar voce ai cittadini che con il loro voto ci hanno premiato a livello regionale”.

“Non mancano le critiche che noi rivolgiamo alla maggioranza comunale – puntualizza – non siamo troppo ‘soft’ ma a volte bisogna anche essere costruttivi se ciò può far bene alla cittadinanza. Ad esempio chiederemo chiarimenti e garanzie precise su quello che è stato annunciato da Amadeus ai nostri commercianti riguardo un evento ‘risarcitorio’ di più giorni ad inizio luglio, Covid permettendo”.

“Pare si stia andando verso un lockdown generale nei fine settimana – conclude Daniele Ventimiglia – questa è l’eredità che ci ha lasciato il Governo Conte. Non è quello che vuole il premier Draghi. Bisogna velocizzare la campagna vaccinale, in Liguria avremo le dosi necessarie entro fine aprile e credo si possa vedere l’uscita dal tunnel ad inizio estate”.

Articolo precedenteSanremo, consegnate oggi 2.300 dosi di vaccino AstraZeneca
Articolo successivoDistretti di Ventimiglia e Sanremo, incontro tra Confcommercio e Regione: il presidente Toti accoglie le istanze presentate