Sanremo cerca la svolta 'green', Artusi: "Fondi europei 2021-27 incentrati sull'ambiente. Vogliamo farci trovare pronti"

È stata ospite nei nostri studi Lucia Artusi, assessore nel comune di Sanremo con delega all’Ambiente, alla Floricoltura, al Mercato dei Fiori e ai Fondi Europei.

Proprio quest’ultimo argomento è stato al centro dell’intervista. Come ormai ben noto la pandemia Covid-19 ha acuito le difficoltà finanziare dei comuni. Difficoltà di bilancio che limiteranno di fatto il margine di manovra delle amministrazioni. In quest’ottica i fondi europei e le somme che arriveranno dall’Unione Europea saranno fondamentali.

“Ovviamente più soldi arrivano più cose si possono fare,” ha confermato l’assessore. “I fondi europei sono quindi una partita fondamentale e questo è il nostro momento. Nel 2021 partirà la nuova programmazione settennale e saranno disponibili finanziamenti importanti, molti dei quali saranno dedicati a progetti per l’ambiente.”

“Il comune di Sanremo deve farsi trovare pronto. Insieme alla consigliera Sara Tonegutti ci stiamo muovendo con l’aiuto dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) per creare una programmazione. Fondi ce ne sono tanti, ma bisogna saperli trovare. Dobbiamo inoltre indirizzarci verso quelli più facilmente accessibili per una realtà come quella di Sanremo,” ha aggiunto Artusi.

I prossimi anni saranno quindi decisivi per andare incontro a una visione più green e sostenibile? “Questo è il mio intento e quello dell’amministrazione,” ha confermato. “Una politica più sostenibile e un’economia circolare di cui tanto si parla ma che è difficile da concretizzare.”

Nel corso dell’intervista, visibile integralmente a inizio articolo, sono stati molti altri i temi affrontati. In primis la nuova convenzione con Amaie Energia per la gestione del Mercato dei Fiori.

“La firma dovrebbe arrivare entro la fine del mese. Non oltre comunque la fine di novembre anche se abbiamo perso un po’ di tempo a causa dell’emergenza Covid,” ha spiegato.

L’accordo prevede la gestione del mercato, esclusa l’area del nuovo polo scolastico e delle palestre. “Per far convivere queste due realtà nei prossimi anni dovranno essere affrontati degli investimenti di alcuni milioni per spostare la parte del mercato nel piano sottostante a quello attuale. Quando arriverà il momento della progettazione gli operatori del mercato saranno coinvolti.”

Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti l’assessore ha parlato del vicino rinnovo del capitolato con Amaie Energia, l’azienda pubblica sanremese che svolge il servizio, e la creazione del nuovo Ambito Territoriale Ottimale dei rifiuti che dovrà essere istituito entro il 31 dicembre 2020 e che vede Sanremo come capofila alla guida dei 21 comuni che ne faranno parte.