Si è conclusa l’Assemblea dei Sindaci in programma oggi nella sede del Comune di Sanremo. Al centro dell’incontro il futuro di Rivieracqua, la società pubblica che gestisce il servizio idrico integrato. La riunione è arriva otto giorni prima l’udienza sul fallimento richiesto dall’imperiese Amat Spa nei confronti di Rivieracqua.

Passaggio fondamentale per il futuro della società è la nomina del nuovo Cda dopo le dimissioni del presidente Massimo Donzella e della vicepresidente Sonia Balestra. Entrambi sono coinvolti nelle indagini per falso in bilancio e truffa ai danni dello stato.

I giornalisti presenti alla riunione sono stati invitati a uscire. L’incontro si è tenuto dunque a porte chiuse. Secondo quanto emerso, è tutto rimandato a mercoledì, quando arriveranno le nomine ufficiali dopo le verifiche formali. Salvo sorprese, i tre nomi saranno quelli di Carlo Ponte, avvocato di Genova, Gian Alberto Mangiante, commercialista di Chiavari, e Sara Rodi, commercialista di Sanremo. Passa dunque la linea delle nomine non politiche.

Stamane davanti all’entrata del Comune si è riunito il coordinamento imperiese per l’acqua pubblica. “Siamo qui per ribadire la nostra posizione e chiedere ai sindaci di continuare sulla scelta già fatta nel 2012 con la nascita di Rivieracqua, affinché i profitti vengano reinvestiti nel servizio. La situazione è impantanata. L’acqua è di tutti e affinché si vada avanti devono trovare un punto di incontro,” dichiara Mauro Gianpaoli del coordinamento.