Parte quest’oggi, martedì 5 marzo alle ore 15.30 presso Villa Ormond, il “Festival della Cucina con i Fiori”: l’anteprima di “Villa Ormond in Fiore” che fino a giovedì 7 marzo proporrà incontri, degustazioni e show-cooking in cui il fiore sarà esplorato nella sua essenza e nelle sue molteplici possibili forme di trasformazione edibili e ornamentali.

Questa prima edizione del “Festival della Cucina con i Fiori”, percorso “floro-gastronomico” realizzato in collaborazione con Maria Silvana Sicari della Filantea Garden Club di Sanremo e grazie al supporto dell’azienda produttrice di fiori eduli Raverabio e ai “Ristoranti della Tavolozza”, propone una serie di iniziative che porteranno nelle sale di Villa Ormond esperti del settore, flower designer e apprezzati chef per dare vita a dimostrazioni particolarmente interessanti e innovative in cui il fiore sarà protagonista.

La prima giornata del Festival vedrà le tre finaliste del contest nazionale “Buon appetito, Fiorellino”Donatella Bartolomei di Ancona, Cristiana Curri di Roma e Paola Sartori di Vicenza – impegnate davanti ad una giuria di esperti, chef e giornalisti nella creazione di un piatto con gli ingredienti di una “Mystery Flower Box” contenente le eccellenze e i prodotti del territorio, messi a disposizione dalla CNA di Imperia, e i fiori dell’azienda Raverabio di Albenga che, insieme alla cantina Cuvage di Acqui, è sponsor tecnico di tutto il Festival.

Il contest, che ha riscosso un grandissimo successo di partecipazione a livello nazionale, intende valorizzare i fiori per il loro potenziale gastronomico, proponendoli come ingredienti principali delle preparazioni e non come semplice ornamento della presentazione del piatto.

Alle 17.30 la presentazione delle eccellenze del territorio a cura della CNA di Imperia: lo zafferano di Triora e i fiori d’arancio di Vallebona. A seguire la degustazione di fiori eduli a cura di “Hortives – Orto dai sapori antichi”, interessante progetto che si propone di conservare il germoplasma di antiche varietà ormai perse, totalmente o in parte, di piante ortive.

In conclusione la premiazione e la consegna alla vincitrice del contest del premio “Libereso Guglielmi”, a ricordo del famoso “giardiniere” di Italo Calvino, figura di riferimento e patrimonio indiscusso della botanica e della floricoltura sanremese.

L’ingresso è libero (a partire dalle 15.00) fino ad esaurimento posti. Infine alle 20.30, sempre presso la Villa Ormond, si terrà la Cena di gala “Mangiare i fiori” evento riservato e su prenotazione.

“Villa Ormond in Fiore” si inserisce tra gli eventi collaterali del Corso Fiorito – Sanremo in Fiore. L’iniziativa nasce nel 2017 dall’incontro delle realtà del territorio legate a fiore e floricoltura – ANGA Giovani di Confagricoltura, Confagricoltura, Mercato dei Fiori, Camera di Commercio Riviere di Liguria, ANCEF e La Filantea Garden Club di Sanremo, con la collaborazione dell’Istituto E. Ruffini-D. Aicardi, indirizzo turistico – e la Fondazione Villa Ormond che ha saputo intercettare l’esigenza di organizzare un grande evento sul tema del fiore che mancava a Sanremo da molto tempo.

Articolo precedenteSanremo, Festa della Donna nei giardini di Villa Ormond: ecco il programma
Articolo successivoSan Bartolomeo al Mare, alla rassegna “Tea con l’autore” Raffaella Ranise presenta “I Romanov. Storia di una dinastia tra luci e ombre”