È stato deposto questa mattina, da parte del vicesindaco Costanza Pireri e dell’assessore alla cultura Silvana Ormea, un mazzo di fiori al monumento di re Nikola I di Montenegro (a Villa Ormond) scomparso 100 anni fa.

Presente anche Luca Bracco, presidente della Commissione Didattica e Storia della Croce Rossa Italiana, delegato dal nipote del sovrano, il principe Nikola II, impossibilitato a presenziare a causa delle limitazioni dell’attuale emergenza sanitaria.

Luca Bracco è così intervenuto: “Re Nikola I di Montenegro ha uno stretto legame con la Croce Rossa perché ha fondato a Montenegro la prima Croce Rossa del Montenegro e perché sua figlia, la regina Elena d’Italia, è stata l’angelo della Croce Rossa Italiana durante la Prima Guerra Mondiale, quando istituì e diresse il primo ospedale della Croce Rossa Italiana prestando soccorso ai malati. Ringrazio il Comune di Sanremo per la sensibilità dimostrata con questo omaggio”.

L’assessore Silvana Ormea ha ricordato la figura del sovrano e il suo legame con la città: qui è stato sepolto per molti anni, in ultimo nella Chiesa russa, fino al 1989, quando le sue spoglie sono rientrate trionfalmente in Patria.

“Il Comune di Sanremo – ha concluso l’assessore Silvana Ormea – ha voluto rendere così omaggio alla figura di un sovrano amatissimo nel suo Paese e che ha anche amato la nostra città. Tramite questo gesto, mandiamo quindi i nostri saluti e il nostro ricordo al nipote e attuale Capo della Famiglia Reale, il principe Nikola II”.

Articolo precedenteUniversità di Imperia e Riviera Trasporti, la replica degli assessori regionali Scajola e Berrino al PD: “Ancora una volta ha parlato a vanvera”
Articolo successivoPersi 11mila posti di lavoro in Liguria dal 2019 al 2020. Maestripieri (Cisl): “Il peggio deve ancora venire. Necessario posticipo blocco licenziamenti e riforma ammortizzatori sociali”