Alberto Biancheri

Approvata stamattina dalla Giunta comunale un’importante pratica relativa alle politiche sociali che prevede l’affidamento di Villa Citera, sita in via Galileo Galilei, alla cooperativa sociale L’Ancora, al fine di creare uno spazio aggregativo per i ragazzi

Un obiettivo al quale l’amministrazione comunale stava lavorando da tempo, come conferma il sindaco Alberto Biancheri: “Nasce un nuovo polo per i giovani, uno spazio aggregativo per molti ragazzi. Un risultato importante su cui avevamo preso un impegno e che oggi portiamo a termine grazie al lavoro dell’assessorato alle politiche sociali”.

Con la delibera di Giunta approvata oggi, il Comune di Sanremo affida alla cooperativa L’Ancora l’intero spazio di Villa Citera, distribuito su tre piani, nell’area retrostante le palestre.

Lo spiega nel dettaglio l’assessore alle politiche sociali Costanza Pireri: “Sono molto orgogliosa di questo progetto su cui, con il sindaco, ci eravamo impegnati e a cui lavoravamo da tempo. Quello che nasce è un polo giovanile distribuito su tre piani a Villa Citera. Al piano terra avremo il nuovo centro aggregativo Baraonda con spazi destinati alla libera aggregazione, laboratori culturali e artistici, informatica, orientamento professionale e scolastico, sportello d’ascolto, supporto allo studio e spazi dedicati al supporto alla genitorialitĂ . Al primo piano, aule studio e spazi coworking, per poter dare a tutti i ragazzi sanremesi uno spazio che mancava sul territorio. Al secondo piano, invece, quello che chiameremo spazio supervalente, ovvero un intero piano che sarĂ  a completa disposizione dei ragazzi per qualsiasi attivitĂ  che necessiti di uno spazio: dal teatro alla danza, da semplice sala di incontri a luogo di presentazioni”. 

Articolo precedenteColdiretti Liguria: “PossibilitĂ  di spostarsi a Natale attesa da 10 mln di italiani”
Articolo successivo“Va’ Sentiero – Alla scoperta del Sentiero Italia”: in uscita domani il docufilm. Il vicepresidente ligure Piana: “Un progetto che contribuisce alla conoscenza delle meraviglie delle nostre terre alte”