video

È stato ufficializzato questo 4 giugno 2021 il passaggio di consegne tra l’ex proprietario Marco Del Gratta e il nuovo presidente della Sanremese Calcio, l’imprenditore Alessandro Masu.

Davanti ad una affollata platea di giornalisti e fotografi, si sono presentati i due protagonisti affiancati dal direttore sportivo Pino Fava, riconfermato, e dal presidente-team manager Glauco Ferrara.

“Ci ho pensato a lungo ma alla fine la decisione di passare la mano è stata quella giusta – ha detto Del Gratta – impegni lavorativi e il desiderio di occuparmi maggiormente della famiglia sono diventati prioritari rispetto al calcio ma resterò sempre il primo tifoso della Sanremese, anzi il secondo dopo mio padre Riccardo”.

“A farmi prendere questa decisione dopo diversi anni al comando della società – sottolinea – sono state anche alcune delusioni e certi comportamenti ma non voglio dire nulla di più. Lascio la Sanremese in buone mani, con Masu l’accordo è stato raggiunto con una stretta di mano come si fa tra galantuomini. Mi spiace solo non essere riuscito a portare la squadra tra i professionisti, spero ci riesca la nuova proprietà”.

“Adoro il calcio – dice il neo-presidente – ho trascorsi nel Torino, da quindici anni gestisco un’attività nel porto di San Lorenzo al Mare e credo che la Sanremese abbia le potenzialità per trovarsi stabilmente tra i professionisti, non solo la Serie C ma anche la B. Certo è che per ottenere questi traguardi abbiamo bisogno del supporto delle istituzioni, e non parlo solo di soldi ma soprattutto di aiuto per rendere il nostro Comunale agibile e in regola per altri e più importanti palcoscenici”.

“Altri obiettivi primari – prosegue Masu – sono il settore giovanile e riportare gente allo stadio. Pian di Poma è un disastro, io non ci porterei nessuna nostra squadra under ad allenarsi e giocare lì, ed è ancor più desolante quel posto dopo aver visto i centri creati per il settore giovanile in alcuni piccoli paesi in Lombardia o Piemonte. Sanremo ha una fama ed un nome che devono essere all’altezza anche nello sport e nelle strutture sportive destinate al calcio che resta il nostro sport nazionale”.

Dopo aver confermato l’allenatore Andreoletti, Masu ha anche confermato il ruolo di Diesse a Pino Fava.

“Ringrazio il nuovo presidente per la fiducia che mi ha accordato – dice Fava – e sono contento di proseguire il mio impegno anche se dentro di me una parte soffre per la fine di un ciclo. Sono sentimenti contrastanti ma umani: triste per l’addio dei Del Gratta, motivato per l’inizio di una nuova avventura”.

Le interviste complete a Marco Del Gratta, Alessandro Masu e Pino Fava nel video-servizio di Riviera Time.

Articolo precedenteSan Bartolomeo al Mare, riaperta la spiaggia per cani. L’assessore Gamalero: “Ultimato il ripascimento e la pulizia”
Articolo successivoDiano Marina, il vicesindaco Za Garibaldi: “Completata la piantumazione di palme e aranci lungo il primo lotto di parcheggi sull’ex sedime ferroviario”