comune san bartolomeo al mare

È partita oggi la campagna di raccolta fondi lanciata da ANFFAS Onlus – Imperia, storica associazione di famiglie di persone con disabilità intellettiva e disturbi del neuro sviluppo, che permetterà di raccogliere gli importi necessari alla realizzazione del progetto “Un Seme Dopo di Noi”, di cui il Comune di San Bartolomeo al Mare è partner, che prevede di riqualificare, in maniera sostenibile, una serra di circa 80 mq e uno spazio verde di circa 300 mq, all’esterno del Dopo di Noi “Casa di Primo e di Lilli”, a Diano Marina, in cui possono vivere fino a quattro persone con disabilità intellettiva e relazionale, in un contesto familiare. La ristrutturazione permetterà alle persone con disabilità e agli studenti di collaborare per la coltivazione di ortaggi, incentivando l’acquisto a km zero da parte della comunità locale e lo sviluppo di buone pratiche ambientali. Un progetto che ha come obiettivi l’inclusione sociale e la sostenibilità, e che – per poter vedere la luce – necessita del sostegno di ognuno. La somma necessaria affinché la prima fase del progetto sia realizzabile è di € 15.000 e ogni piccolo contributo è determinante.

Da oggi sarà possibile donare su https://www.ideaginger.it/progetti/un-seme-dopo-di-noi.html con carta di credito, bonifico bancario, PayPal o Satispay. 

I donatori saranno coinvolti a più livelli. Saranno sempre aggiornati sugli sviluppi della campagna di crowdfunding e potranno scegliere tra le interessanti ricompense, offerte come ringraziamento per la loro generosità, andando sulla pagina del progetto www.ideaginger.it.

“Un Seme Dopo di Noi”, è risultato tra i vincitori del bando “Green Donors – Crowdfunding per progetti ambientali”, della Compagnia di San Paolo, che ha supportato i vincitori attraverso un percorso di formazione con Idea Ginger, portale che ospiterà la campagna di raccolta fondi.

Articolo precedenteVentimiglia: il Comune affida in gestione gli impianti ‘Beach Volley’ e ‘Open Basket’
Articolo successivoTrasporto pubblico, Berrino: “Nessuna criticità alla riapertura in presenza delle scuole superiori”