comune san bartolomeo al mare

Con l’atto di indirizzo approvato in Giunta nei giorni scorsi, il Comune di San Bartolomeo al Mare ha formalmente dato inizio alle complesse attività che entro il 2024 porteranno alla costruzione della pista ciclabile sull’ex tracciato ferroviario.

L’obiettivo è ambizioso, e oltre alla ciclabile che rientrerà nella Ciclovia tirrenica comprende ovviamente anche i necessari interventi – da eseguire prioritariamente – per la posa dei tubi dell’acquedotto e delle acque reflue, a loro volta da eseguire dopo il rifacimento del cavalcavia su via Roma, la cui quota dovrà essere alzata.

Il tutto rientra in un più complesso intervento di rigenerazione urbana, con la creazione di una ciclabile interna che collegherà la zona della Rovere e la zona archeologica della Mansio Romana con la parte a mare di San Bartolomeo, passando per piazza Vespucci, e predisponendo la futura passerella verso Cervo, prolungando la Passeggiata. E’ prevista anche la creazione della ciclabile sul lungo torrente, che consentirà a molti di utilizzare in sicurezza la bicicletta come mezzo di locomozione per recarsi al lavoro o per muoversi verso Cervo o verso Diano Marina.

“L’incontro con la Regione avvenuto nei giorni scorsi – spiega Davide Salerno, Assessore ai Lavori Pubblici – è stato molto importante per tracciare il percorso di questa progettazione complessa. Ora stiamo definendo l’acquisizione delle aree, poi andremo a cercare di reperire i fondi per la rigenerazione urbana e punteremo sul fondo strategico. Con questo intervento viene definita la San Bartolomeo al Mare del futuro, ne confermiamo la vocazione turistica, con un forte impegno ecologico”.

L’atto di indirizzo approvato dalla Giunta segue la firma del protocollo di intesa siglato a novembre con i comuni limitrofi di Diano Marina e di Cervo, in base al quale viene data l’opportunità al singolo comune collocato sul tracciato della Pista Ciclopedonale di valutare le problematiche sul proprio territorio, in un’ottica intercomunale, condividendo scelte ed interventi a partire dai risvolti urbanistici, da declinare su alcuni concetti chiave: pista ciclabile e pedonale, accessibilità, legame mare-terra-entroterra, centralità, permeabilità e inglobamento.

Articolo precedenteCovid, scuole: sei nuovi positivi nell’imperiese nelle ultime 24 ore
Articolo successivo‘Capo Mortola: paradiso di Ventimiglia’, ieri la videoconferenza organizzata dai Lions Club Ventimiglia e Riva-Santo Stefano. Dott.ssa Notari: “Mare opportunità per il nostro futuro”