Gabriele Saldo si è dimesso da direttore generale di Rivieracqua. La decisione è stata presa nel giorno dell’interrogatorio di garanzia davanti al Gip Massimiliano Botti, dopo la misura cautelare degli arresti domiciliari disposta ieri dal Tribunale di Imperia.

Saldo è indagato, insieme ad altre cinque persone, nel procedimento sui presunti concorsi truccati per l’assunzione di personale in Rivieracqua, la società interamente a capitale pubblico costituita per gestire il servizio idrico in provincia di Imperia. Secondo l’accusa, Saldo avrebbe ricevuto da Federico Fontana – presidente della commissione d’esame, anch’esso agli arresti domiciliari – le domande del concorso e le avrebbe girate a Fabio Cassella, risultato poi vincitore e anch’egli indagato. Di fronte al gip Saldo, che è assistito dall’avvocato Alessandro Mager, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Per quanto riguarda il futuro di Rivieracqua, invece, nei prossimi giorni verrà convocato d’urgenza il consiglio d’amministrazione per la nomina del nuovo direttore.

Articolo precedenteVentimiglia, migranti occupano treno merci per varcare il confine
Articolo successivoSanremo, anziana precipita dal terzo piano