Altro tassello nel puzzle complicatissimo della vicenda Rivieracqua. Oggi l’Assemblea dei sindaci ha approvato la delibera che garantisce la prosecuzione della convenzione anche a fronte della richiesta di concordato da parte della società. “È una pratica importante e credo si debbano ringraziare i sindaci per la loro responsabilità”, ha dichiarato il presidente della Provincia Fabio Natta. “Il loro voto favorevole significa proseguire nella strada tracciata, che è quella dell’acqua pubblica”.

Tra coloro che hanno utilizzato i toni più critici ci sono stati come sempre i sindaco del Golfo Dianese. “Ho votato favorevolmente perché altrimenti Rivieracqua sarebbe fallita”, ha sottolineato il sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori, che ha però chiesto con forza a tutti i sindaci di fare la loro parte. Astensione invece per Valerio Urso, sindaco di San Bartolomeo al Mare, che ha chiesto nuovamente chiarezza sui conti di Rivieracqua.

Il sindaco di Imperia Carlo Capacci ha invece ricordato l’importanza di tener presente la situazione di Amat, consentendole di ritoccare al rialzo le tariffe. Per Capacci, inoltre, è stata l’ultima uscita in ambito provinciale da sindaco in carica. Per questo motivo i primi cittadini della provincia lo hanno salutato sul finale con un applauso.