gian alberto mangiante rivieracqua

Con provvedimento del Tribunale di Imperia in data 3 agosto 2021, Rivieracqua S.c.p.A. è stata convocata il prossimo 14 settembre davanti allo stesso tribunale al fine di valutare, congiuntamente agli organi della procedura, se proseguire il percorso concordatario intrapreso o se, viceversa, intraprendere strumenti alternativi volti comunque alla tutela dell’interesse dei creditori.

Sottolinea il presidente Gian Alberto Mangiante: “Apprezzando gli sforzi fatti dopo il commissariamento della Provincia che hanno finalmente portato alla creazione del gestore unico per la Provincia di Imperia sulla base di valori trasferimento dei beni che consentiranno di pagare percentuali molto elevate ai creditori chirografari, il Tribunale ha invitato Rivieracqua a individuare percorsi alternativi di ristrutturazione del debito rispetto al concordato più consoni rispetto alla mutata realtà.

Rivieracqua si è quindi immediatamente attivata per individuare lo strumento di superamento della crisi più adeguato per garantire congiuntamente la prosecuzione della continuità aziendale e il maggior soddisfacimento dei propri creditori”.

Articolo precedenteRiva Ligure, giochi e spettacoli per una serata dedicata ai più piccoli. L’assessore Benza: “Stasera la rassegna ‘BimBumBam!’ raggiungerà il culmine”
Articolo successivoAree protette, il vicepresidente Piana: “Nuovi interventi col Fondo Strategico Regionale”