riva ligure

Continua l’impegno del Comune di Riva Ligure a sostegno dell’economia locale. Entro il 31 ottobre 2021, le attività che hanno subito gli effetti della crisi economica indotta dall’emergenza sanitaria, possono fare richiesta di agevolazione sulla tassa rifiuti – TARI.

Si tratta di un aiuto alle utenze non domestiche come bar, ristoranti e strutture ricettivo-turistiche che sono state interessate da provvedimenti di formale restrizione dell’esercizio dell’attività nonché quelle interessate da un calo di fatturato. Le agevolazioni sono legate al possesso di requisiti economici che devono essere autocertificati e mettono a carico del Comune una parte delle tariffe non pagate dalle utenze. La riduzione sarà modulata in funzione dei fondi disponibili e del numero delle domande, fino alla concorrenza del 100% della tariffa variabile e del 50% della tariffa fissa Tari 2021. Lo sconto stimato, confronto all’anno precedente, è mediamente superiore all’80%.

Il soggetto richiedente deve pertanto possedere i seguenti requisiti: attività in essere in data antecedente al 31 dicembre 2020; attività non cessata alla data del 30/06/2021; di aver subito una riduzione del fatturato nell’anno 2020 rispetto al fatturato dell’anno 2019 superiore al 10%; oppure di aver subito una riduzione del fatturato tra il primo semestre 2021 e il primo semestre 2019 superiore al 10%.

“Era necessaria un’azione forte a favore di chi ha dovuto fare i conti con le conseguenze più importanti, sotto il profilo economico, del diffondersi del Covid-19 – sottolinea il sindaco di Riva Ligure Giorgio Giuffra. – Sappiamo bene che ci sono attività commerciali che hanno sofferto particolarmente l’assenza di utenza sia durante le chiusure che immediatamente dopo, anche per per via della ridotta capacità di spesa di molte famiglie. Si tratta di un intervento strategico – conclude il sindaco – per concedere un po’ di respiro, tanto, a tutti coloro i quali hanno rialzato con fierezza la loro serranda. Bar, ristoranti, strutture ricettivo – turistiche e stabilimenti balneari, quali luoghi d’incontro e presidi sociali, sono il cuore pulsante cittadino”.

Tutti i dettagli per la richiesta dei contributi sono disponibili sul sito del comune di Riva Ligure al seguente link: http://www.comunedirivaligure.it/Home/DettaglioNews?IDNews=196320.

Articolo precedenteCovid, Toti: “Quasi l’83% dei liguri ricevuto almeno una dose di vaccino”
Articolo successivoAurelia bis, Ioculano (PD): “8 milioni di euro dal governo per la mobilità ligure. Presentato emendamento alla Camera per la messa in sicurezza del tratto Sanremo-Ventimiglia”