Un 35enne che viveva a Riva Ligure è stato arrestato nella notte dai Carabinieri della Compagnia di Sanremo e nello specifico dai militari del Nucleo Operativo e delle Stazioni di Arma di Taggia e Santo Stefano al Mare. Il soggetto è accusato di rapina.

L’arresto è avvenuto nell’ambito di un’indagine più ampia condotta dai Carabinieri della Compagnia di Cantù.

Sei le ordinanze di custodia cautelare in carcere e i decreti di perquisizione locale emessi dall’Autorità Giudiziaria di Como nei confronti di altrettanti uomini italiani responsabili a vario titolo di concorso in rapina aggravata, ricettazione, sequestro di persona e porto abusivo d’arma da fuoco in luogo pubblico.

I sei sono sospettati di aver preso parto a due rapine nel comasco durante i mesi scorsi. L’attività investigativa è nata lo scorso Novembre a seguito della rapina ai danni di due guardie giurate addette al servizio di trasporto “portavalori”.

I quell’occasione il bottino si aggirava intorno ai 27 mila euro.

La seconda rapina è avvenuta il 21 gennaio ai danni di due anziani residenti in una villa di Novedrate in provincia di Como.

Per l’organizzazione di entrambe le rapine fu coinvolto un ‘basista’, ossia un criminale della zona in grado di indicare i target a bande solitamente operanti al di fuori della Lombardia.

Fu proprio quest’ultimo ad essere scoperto per primo. A seguito dell’arresto per spaccio di droga, le autorità trovarono a casa sua parte della refurtiva proveniente dalla villa.

In questo modo i Carabinieri sono riusciti a stringere il cerchio intorno all’intera banda di rapinatori.