giorgio giuffra

Con un messaggio sui social media il sindaco di Riva Ligure, Giorgio Giuffra, rende note alla cittadinanza le nuove decisione assunte di concerto con il Comandante della Polizia Locale e che saranno valide da domani 4 maggio al 17 maggio. Di seguito le misure prese.

– È fatto obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale di cui all’art.16 del decreto legge n. 18/2020 (cd. mascherine), nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico del territorio comunale, ad esclusione:

  • dei soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti;
  • dei bambini con età inferiore ai 6 anni;
  • nello svolgimento, in forma individuale, nel rispetto del distanziamento sociale e delle normative vigenti, di attività sportiva;
  • nello svolgimento, lungo moli e pennelli, in forma individuale, nel rispetto del distanziamento sociale e delle normative vigenti, di pesca ricreativa in mare; 
  • nello svolgimento di attività sportiva e/o di pesca ricreativa in mare, è comunque necessario portare con sé una mascherina da indossare nel caso in cui ci si trovi in prossimità di altre persone, nel rispetto del distanziamento sociale e delle normative vigenti.

– È fatto obbligo per gli esercenti ed i consumatori di cooperare alla tutela dell’igiene dei prodotti in fase di commercializzazione, aderendo alle indicazioni sull’uso di guanti e pratiche di disinfezione delle mani.

In ogni attività sociale esterna, è fatto obbligo di mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, ad eccezione:

  • nello svolgimento dell’attività sportiva, è fatto obbligo di mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri;

– È consentito il mercato a merceologia esclusiva per la vendita di prodotti alimentari, assicurando tutte le misure che garantiscano il contingentamento degli ingressi e la vigilanza degli accessi;

Sono consentite le visite al cimitero comunale, in forma individuale, nel rispetto del distanziamento sociale e delle normative vigenti, dal lunedì alla domenica, dalle 8:00 alle 18:00;

– Sono interdetti la presenza e gli spostamenti delle persone fisiche nei seguenti luoghi: tutti i giardini, parchi pubblici, aree gioco ed aree verdi attrezzate;

– È interdetta la sosta su panchine o parapetti posti lungo le passeggiate a mare di Via Martiri della Libertà e di Corso Villaregia, la pista ciclabile, le strade comunali e vicinali, nonché nelle piazze cittadine;

– Sono interdetti l’accesso e la permanenza sugli arenili, ad esclusione:

  • dei titolari delle concessioni demaniali marittime e/o loro incaricati per lo svolgimento di lavorazioni consentite ai sensi della normativa vigente nell’ambito dell’area in concessione, e nel pieno rispetto delle disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro, con specifico riferimento alle regole anticontagio da SARS-CoV2;
  • delle persone residenti (od abitualmente domiciliati) nel Comune intenzionate a svolgere in forma individuale, nel rispetto del distanziamento sociale e delle normative vigenti, pesca ricreativa in mare, limitatamente al tempo necessario al transito per raggiungere moli e pennelli; resta esclusa ogni possibilità di permanenza sull’arenile oltre il transito funzionale all’esercizio dell’attività ricreativa in mare da svolgersi su moli e pennelli;
  • delle persone residenti (od abitualmente domiciliati) nel Comune intenzionate a svolgere in forma individuale attività sportiva da esercitare in mare (nuoto, surf da onda, windsurf, canoa, ecc), limitatamente al tempo neccessario ad approntare per l’uso l’attrezzatura; resta esclusa ogni possibilità di permanenza sull’arenile oltre l’esecuzione di attività funzionali all’esercizio dell’attività sportiva da svolgersi in mare e per il tempo strettamente necessario; 

– È fatto divieto di soffermarsi sull’arenile per finalità diverse da quelle elencate al punto 1), in via esemplificativa non è consentito sedersi per prendere il sole o discutere, esercitare attività sportiva sulla spiaggia (es. calcio, beach volley), passeggiare sull’arenile, ecc.;

– Si raccomanda ai gestori delle medie strutture di vendita la rilevazione, mediante idonee strumentazioni, a loro cura, della temperatura corporea dei clienti, oltre che del personale, prima del loro accesso. A seguito del rilievo di temperatura corporea uguale o superiore a 37,5 °C, deve conseguire l’inibizione all’accesso all’attività con obbligo a ritornare alla propria abitazione.

Il sindaco Giuffra commenta: “Entriamo nella Fase 2 dell’emergenza da Coronavirus. È la fase cruciale, quella che può segnare il vero rilancio. Ecco perché non sono consentiti errori o passi falsi. E perché, anche a fronte del rischio di una risalita della curva del contagio, abbiamo scelto di recepire ed applicare le disposizioni statali e regionali, chiedendo ai nostri cittadini un ulteriore piccolo sacrificio. Da lunedì, ogniqualvolta ci si rechi fuori dalla propria abitazione sarà necessario fare tre semplici cose: indossare la mascherina, procedere con la puntuale disinfezione delle mani, mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Gesti e comportamenti virtuosi, tre, che potrebbero permettere di riprendere le consuete attività prima possibile e, soprattutto, di metterci alle spalle la stagione dei divieti per affrontare quella delle regole chiare. Forza e coraggio, Riva. Insieme ce la stiamo facendo!”

Articolo precedenteVentimiglia, martedì 5 maggio probabili disagi nella distribuzione di acqua in tutta la città. AIGA: “Ci scusiamo, lavori obbligatori”
Articolo successivoImperia, il sindaco Scajola firma l’ordinanza di avvio della fase 2: ecco le misure valide a partire da domani