La Civica Amministrazione, nell’ottica di riservare un’attenzione particolare agli interessi dei minori residenti, vuole istituire la nuova figura del Garante dei diritti per l’infanzia e l’adolescenza del Comune di Riva Ligure, approvando, entro l’estate prossima, il Regolamento che ne preveda i compiti e le azioni.

Ad annunciare questa nuova iniziativa, sono il Sindaco Giorgio Giuffra ed il Consigliere incaricato alla Creatività e Partecipazione Giovanile Valeria Brignolo. Nell’idea dei due proponenti, i compiti principali dell’attività del Garante saranno volti a realizzare l’esclusivo interesse dei minori, intervenendo sulle problematiche dell’infanzia e dell’adolescenza con uno sguardo particolarmente attento ai minori più vulnerabili provenienti da situazioni di criticità.

“I diritti, il futuro, la salute e la vita stessa dei bambini e dei ragazzi, in quest’ultimo anno, – commentano Giuffra e Brignolo – sono stati travolti e messi fortemente a rischio. La pandemia, con i suoi effetti indiretti, si è abbattuta come un macigno sui nostri minori. Superando ogni confine, il virus sta minando il futuro delle prossime generazioni. La sfida che dobbiamo affrontare – continuano – è quella di infondere ai nostri giovani serenità, informandoli su ciò che avviene nel mondo e preservarli dall’inquietudine. Prioritario, ancora di più oggi, – concludono il Sindaco ed il Consigliere incaricato alla Creatività e Partecipazione Giovanile – è tutelare i più piccoli, coloro che vivono in contesti familiari di disagio o con disabilità e che hanno bisogno di assistenza che non sempre le famiglie sono in grado di assicurare.”.

Le attività del Garante, sempre nell’idea dei due proponenti, non si esauriranno con un intervento di supporto alle problematiche di tipo familiare e/o di istruzione, ma si estenderanno nella costruzione di un’ampia rete di contatti e condivisione di intenti con i servizi culturali, formativi, sociali e sanitarie che di concerto potranno creare una valida cornice di offerte e sostegno per la creazione ed il mantenimento del benessere dei minori. Rientreranno nelle finalità dei compiti del Garante promuovere la diffusione di una cultura dell’infanzia e dell’adolescenza finalizzata al riconoscimento dei minori come soggetti titolari di diritti. Il Garante adotterà strumenti di mediazione, stimolerà e promuoverà progetti per dare voce alla popolazione più indifesa e garantire la tutela dei minori per escludere i fenomeni di esclusione sociale e di discriminazione.

Articolo precedenteCovid, Toti: “Cresce ancora la capacità di vaccinazione. Siamo a 45mila vaccini la settimana, la prossima saliremo a 10.500 al giorno”
Articolo successivoCovid, scuole: quattro nuovi positivi nei distretti di Imperia e Sanremo