video
02:56

Le annate del 2020 e 2021 verrano certo ricordate per tutte le conseguenze lasciate dalla pandemia covid non solo a livello medico ma anche a livello sociale. Difficoltà economiche che sono cadute addosso a famiglie e lavoratori verso i quali il comune di Riva Ligure tende una mano con l’emissione di due bandi destinati ad aiutare chi ha patito questo periodo in modo importante.

Sono 200 mila euro la cifra messa a disposizione dall’amministrazione per far fronte alle difficolta: nel bando “Nessuno indietro bis” ci si rivolge a lavoratori in situazione precaria o che si sono ritrovati senza occupazione durante il 2021 ed alle attività che hanno subito perdite ingenti. Un aiuto rivolto anche alle famiglie che hanno spese di affitto che dovranno fare richiesta entro fine anno per entrare in graduatoria.

“Sono misure pensate appunto per non lasciare nessuno indietro – commenta il sindaco Giorgio Giuffra – e calibrate per andare incontro a tutti in egual maniera”.

Il bando “6+ grande” va incontro agli studenti della scuola superiore secondaria, premiando lo sforzo di famiglie e ragazzi che hanno creduto nell’importanza dell’istruzione in un momento di difficoltà scolastica. “In una Provincia con il più alto livello di abbandono scolastico vogliamo premiare chi ha creduto nel valore dell’istruzione”.

Ultimo ma non per importanza un provvedimento che partirà l’anno prossimo: “Un corso di francese per tutti i ragazzi del triennio superiore che possa dargli gli strumenti necessari per affrontare il lavoro anche oltreconfine. L’8% dei lavoratori in Provincia esercita la propria professione in Francia, è giusto fornire i mezzi per potersi districare al massimo delle possibilità”. Un corso importante che verrà finanziato con la cessione di una mensilità dello stipendio del sindaco.

Un gesto concreto in un tempo di tante parole.

I dettagli sul sito del comune di Riva Ligure.

Articolo precedenteScajola fa doppietta, Provincia e bis in Comune: “Mi candido presidente per risolvere i problemi di questo territorio, chi non lo ha fatto non ha avuto il consenso necessario”
Articolo successivoVentimiglia, omicidio a Roverino: in carcere il 35enne sudanese ritenuto responsabile dai Carabinieri dell’omicidio di un connazionale