[beevideoplayersingle adstype=”video-ads” videourl=”https://vimeo.com/196845352″ videoadsurl=”https://vimeo.com/224092271″ adsurl=”https://www.sialpieve.com/”]Nel 2016 vince la Brexit, così come Trump negli USA. Due risultati elettorali che in pochi avrebbero predetto. Due vittorie che hanno fatto leva sulle paure dei cittadini riguardo al fenomeno migratorio che sempre più sta caratterizzando questo momento storico.

Anche noi, con la situazione di Ventimiglia, stiamo assistendo ai flussi migratori.

Ma quali sono le storie di queste persone che lasciano il loro paese natale superando deserti, mari e frontiere in cerca di una vita migliore?

In questo video, realizzato con l’aiuto della Caritas di Sanremo, i rifugiati e richiedenti asilo di Casa Papa Francesco a Sanremo, si raccontano.

Le loro storie sono emblematiche e capaci di farci capire un po’ più a fondo cosa hanno vissuto: le motivazioni, il lungo e pericoloso viaggio che hanno affrontato e le loro speranze.

Mai si sarebbero immaginati di giungere in Italia. L’intenzione iniziale era quella di vivere e lavorare in Libia fintanto che la situazione nel loro paese non fosse migliorata. Poi la caduta di Gheddafi, gli estremisti islamici, la prigionia e il continuo stato di conflitto, li hanno costretti a imbarcarsi.

Ora vivono a Sanremo dove si sono perfettamente integrati e dove lavorano come volontari con diverse associazioni. Tra queste Pigna Mon Amour, impegnata nella rivalutazione del centro storico della Città dei Fiori.

Articolo precedenteImperia: tra passato industriale e voglia di turismo
Articolo successivoMarco Damonte Prioli, Asl1 Imperiese: “L’entroterra punti sulla telemedicina”