disco

Le nuove disposizioni urgenti per l’accesso alle attivitĂ  culturali, sportive e ricreative, che entreranno in vigore l’11 ottobre, prevedono finalmente anche la riapertura delle discoteche. Il Consiglio dei ministri, ha previsto che la capienza nelle sale da ballo, discoteche e locali assimilati non può essere superiore al 75 per cento di quella massima autorizzata all’aperto e al 50 per cento al chiuso. Nei locali al chiuso deve essere garantita la presenza di impianti di aerazione senza ricircolo dell’aria.

La riapertura delle discoteche era particolarmente attesa dalla categoria, unica ad essere rimasta bloccata completamente fino ad oggi.

Tommy Osella, responsabile provinciale Filb (Associazione italiana locali di intrattenimento e pubblico spettacolo di Confcommercio) sottolinea: “Siamo contenti che finalmente il Governo ci abbia preso in considerazione e abbia dato avvio all’apertura dei locali da ballo, ultima categoria ad essere ancora bloccata. D’altro canto le restrizioni che sono state imposte comportano comunque dei sacrifici e alcune aziende non riusciranno ad aprire e altre pagheranno le spese con molta fatica. Auspichiamo che nell’arco di un mese le maglie delle limitazioni si possano allargare, come per altri luoghi di pubblico spettacolo, quali cinema e teatri. Attendiamo di vedere le disposizioni finali per la nostra categoria, anche per capire le altre limitazioni previste, quali l’impiego di stoviglie monouso”.

Articolo precedenteArea di crisi industriale non complessa: boom di domande per il bando regionale. Assessore Benveduti: “88 imprese pronte ad assumere in Liguria 411 dipendenti”
Articolo successivoVaccini, il dottor Muscio: “Dosi congiunte in farmacia e nelle strutture Asl. Al via anche la campagna antinfluenzale presso i medici di famiglia”